Digicult ha una struttura liquida, non esiste in un vero e proprio ufficio, ma solo online. Siamo eterei, siamo un network, il nostro lavoro  attraversa costantemente i confini tra arte, design, cultura, società, comunicazione e ricerca scientifica. Siamo una nuova categoria di professionisti mutevole e non classificata, che lavora in modo spontaneo attraverso paradigmi estetici, culturali e tecnologici fluidi e condivisi.


 mancuso5

Marco Mancuso
Fondatore & Direttore Editoriale

Marco Mancuso è critico, curatore e docente nell’ambito delle Media Technologies applicate all’Arte, al Design e alla Cultura Contemporanea, con un’attenzione verso le pratiche di Art Management, Online Publishing e Open Culture. E’ Fondatore e Direttore di Digicult e del Digimag Journal

Email     Twitter     Facebook     Google+     LinkedIn

 

cegalin

Silvia Cegalin
Capo Redattore

Silvia Cegalin, è scrittrice, giornalista freelance e performer. Dopo essersi laureata nel 2009 al DAMS di Bologna (indirizzo teatro), e dopo la laurea magistrale in Discipline dello spettacolo dal vivo dell’università di Bologna, scrive e collabora per alcune webzine italiane con lo pseudonimo di Nausica Hanz.

Email     Facebook     LinkedIn

 

bertolotti2

Silvia Bertolotti
Book Editor

Silvia Bertolotti è autrice freelance. Dopo una laurea in Filosofia e un Master in Management Culturale, è attualmente Dottoranda di Ricerca in Media and Communication Studies. Le sue principali aree di interesse sono oltre alla letteratura e la scrittura elettronica, la cultura web e l’arte digitale, i nuovi media e la cybersecurity.

Email     Facebook

 

 marletta2

Donata Marletta
Redattore

Donata Marletta, ricercatrice e conferenziere, ha ottenuto (2012) un PhD in Cultural Studies presso la Leeds Metropolitan University, Regno Unito. Ha presentato papers e partecipato a conferenze internazionali, nonchè a diversi panels e simposi presso i principali festival di media art

Email     Facebook

 

 lorenzin3

Filippo Lorenzin
Redattore

Filippo Lorenzin è curatore indipendente e critico di arte contemporanea. E’ interessato alla relazione tra arte, tecnologia e società, antropologia, psicologia e storia. Collabora attivamente con una serie di testate giornalistiche internazionali, in veste di autore e opinionista

Email     Twitter     Facebook     Web

 

martinaraponi2 

Martina Raponi
Redattore

Martina Raponi è una scrittrice e ricercatrice indipendente; il suo lavoro si svolge all’interno del campo delle arti contemporanee. E’ l’autrice di Strategie del Rumore, diplomata al Sandberg Instituut, vive e lavora ad Amsterdam. Investiga la pratica della scrittura oltre la scrittura stessa.

Email     Facebook

 

colavecchio2

Roberta Colavecchio
Ufficio Stampa & Media Manager

Roberta Colavecchio è ricercatrice, curatrice e produttore culturale indipendente.  Ha completato un Dottorato in Studi Culturali e Postcoloniale e collabora attivamente con spazi per l’arte internazionali, con centri di ricerca e piattaforme culturali allo scopo di esplorare i confini tra eARTh, gli esseri umani, gli animali e le macchine.

Email     Twitter     Facebook     Web     Google+     LinkedIn

 

simi2

Giulia Simi
Marketing & Strategy Manager

Giulia Simi ha conseguito il dottorato di ricerca all’Università di Pisa con una tesi sull’Avanguardia italiana degli anni ’60. Da dieci anni lavora anche come critico dei nuovi media, lecturer, digital producer e strategist per musei, editori, organizzazioni no-profit sia in Italia che nel Regno Unito. Collabora con Digicult dal 2006.

Email     Twitter     Facebook     LinkedIn

 

matteocremonesi

Matteo Cremonesi
Consulente Web

Matteo Cremonesi si occupa di arte contemporanea e nuovi media. E’ dottorando presso Luephana University di Luneburg, insegna presso l’Accademia di Brera e collabora con il Link Art Center curando il Link Cabinet. Dal 2011 cura la rubrica Surfing Bits per Artribune Magazine. E’ membro del gruppo di artisti IOCOSE

Email     Twitter     Facebook     Web

 

cognini

Andrea Cagnini
Sviluppatore Web

Andrea Cognini è il classico prototipo di uno sviluppatore: schivo e introverso. Odia le persona tanto da aver incontrato nello “schermo nero” il suo vero amico. Ora lavora in una grande agenzia di comunicazione e di ecommerce, ma riesce ancora nel chiudersi in se stesso e a partecipare ad altri progetti che lo appassionano.

Email     Twitter     LinkedIn     Web

 
//