Fira Montjuïc - Barcelona
14 - 17 / 06 / 2017

Sónar+D porterà a Barcellona le ultime scoperte nel campo di Intelligenza Artificiale e Realtà Virtuale applicate alle arti da parte dei team di ricerca e sviluppo di Google.

Sónar+D, il congresso dedicato alle tecnologie creative che si terrà a Barcellona il 14, 15 e 17 giugno, annuncia oggi il programma dell’edizione 2017. Si prevedono più di 100 attività, 180 oratori e circa 5.000 professionisti riconosciuti provenienti da 2.100 aziende e 60 paesi. Nel corso di 4 giorni, si riuniranno a Barcellona figure di spicco e progetti che definiranno il futuro del design, della musica e delle tecnologie creative.

Per la prima volta, Sonar+D avrà un Networking Day, Giovedì 14 giungo, esclusivamente per coloro in possesso del pass Sónar+D, che aprirà il giorno precedente al festival. La giornata sarà dedicata ai professionisti, ai creatori, alle aziende e agli enti, e comprenderà blocchi di conferenze e workshops con una durata estesa specificamente concepita per incoraggiare dibattiti approfonditi e scambio di conoscenze. Temi centrali del Networking Day saranno: ambienti immersivi, Intelligenza Artificiale e metadati sul settore della musica.

Kenric McDowell, direttore del programma Artists + Machine Intelligence presso Google ResearchFreya Murray, direttrice dei manager di programma del Google Arts & Culture Lab, ed Edu Pou, direttore creative esecutivo dello studio di realtà virtuale americano Here be Dragons, vincitore di numerosi premi, sono solo alcuni delle esperti che parteciperanno al convegno.

sonard6

Sonar360º è tra le novità di quest’anno. Si tratta di uno spazio curato in collaborazione con Montréal Society SAT (Societé des Arts Technologiques), che presenta proiezioni e workshops di opere audiovisive immersive “fulldome”.

L’area business Startup Garden, sostenuta da MIGRATION, ospita 30 startup specializzate in industrie creative, selezionate in tutto il mondo. Mentori come Joyce Lu, ex membro del team di design del MacBook Air, Jon Eades, capo dell’incubatore di startup per il leggendario studio di registrazione di Abbey Road, e fondi d’investimento come Edge Fund, uno dei principali fondi britannici per la cultura e l’intrattenimento, ed Entrée Capital, che tra i suoi successi vanta Snapchat.

Sónar+D ospiterà il meeting internazionale Open Music Initiative. Open Music Initiative è un progetto ambizioso guidato dal Berklee Music College, il centro ricerca del Medialab del MIT e lo studio di consulenza IDEO. Lo scopo dell’iniziativa è creare nuove pratiche standardizzate per unificare la distribuzione di musica digitale, riunendo decine di esperti del settore provenienti da aziende come YouTube, Spotify e Universal.

“Entropy”, una lezione scientifica tenuta dall’astronomo e cosmologo Dott. Dida Markovic insieme al duo DopplerEffekt e i visualisti di Antivjè una esibizione transmediale sull’origine e la fine dell’Universo. È stata concepita come un’esperienza immersiva a metà tra una conferenza, un concerto audiovisivo e un documentario live. Sarà presentata all’auditorium SónarComplex giovedì 15 giugno per tutti i partecipanti a Sónar by Day.

Creatori come Memo Akten, uno dei principali artisti digitali europei, o il programmatore di robot e Twitter artist Darius Kazemi completano il programma che guarda a un futuro dove le nostre idee di intelligenza e creatività saranno cambiate radicalmente.

sonard3

IL PROGRAMMA DI SÓNAR+D 2017

Sónar+D 2017, il V Convegno internazionale di cultura digitale e tecnologie creative, si terrà il 14, 15, 16 e 17 giugno, con più di 180 speakers e circa 5.000 professionisti riconosciuti, da 2.100 aziende e 60 paesi.

Sónar+D Barcellona continua a crescere per dimensione e contenuti. Quest’anno il congresso inizia un giorno prima del festival principale, giovedì 14, con un Networking Day, esclusivamente per i professionisti riconosciuti, che si concentrerà su discipline di lavoro multiple e promuoverà ulteriormente le relazioni tra i partecipanti.

Per quattro giorni a Barcellona si riuniranno progetti chiave che danno forma al futuro del design, della musica e delle tecnologie creative. Creatori di contenuti, tecnologi, centri di ricerca, imprenditori e startup condivideranno idee e lavori con in partecipanti, attraverso dimostrazioni, esposizioni tecnologiche, premiere esclusive, dibattiti, workshops e spazi di networking.

La rivoluzione dell’Intelligenza artificiale e “l’apprendimento automatico” promette di trasformare l’economia nei prossimi decenni, automatizzando lavori meccanici e meno creativi. Comunque, l’Intelligenza artificiale avrà un effetto anche sul lavoro degli artisti, dei musicisti e dei creatori in ogni campo.

Google è senza dubbio uno dei principali attori che investigano sulle modalità in cui l’intelligenza artificiale aprirà nuove possibilità creative. Sónar+D vedrà la partecipazione di artisti, scienziati, ricercatori e tecnologi dal gigante della Silicon Valleyand che stanno dando vita a iniziative e strumenti che creeranno nuove forme di collaborazione che mettono in collaborazione l’uomo e i sistemi creativi artificiali.

Tra i partecipanti spicca Kenric McDowell, alla guida del programma dei Google Research Artists + Machine Intelligence, il programma che unisce artisti con sistemi di IA avanzati per esplorare nuovi orizzonti estetici. McDowell indagherà le modalità in cui le machine possono dimostrare creatività attraverso sistemi che imitano le funzioni celebrali.

Con lui, Douglas Eck, uno scienziato ricercatore di Magenta (Google Brain) presenterà Magenta, il team di ricerca sull’intelligenza artificiale applicate alla musica, con cui Google sta sviluppando la “chitarra elettrica a IA”, uno strumento per generare immagini e composizioni musicali, che sarà disponibile per tutti gli utenti.

Freya Murray, direttrice di manager di programma al Google Arts & Culture Lab, la piattaforma dell’azienda americana che esplora nuove modalità per portare la cultura al pubblico, presenterà i progetti di intelligenza artificiale, sui quali Google ha lavorato in precedenza con musei e istituzioni culturali, per classificare e organizzare immense collezioni di suoni e immagini.

Creatori di contenuti come Memo Akten, uno dei principali artisti digitali europei, o il programmatore di robot e Twitter artist Darius Kazemi completano il programma che guarda a un futuro dove le nostre idee di intelligenza e creatività saranno cambiate radicalmente.

sonard4

REALTÀ VIRTUALE, LA NARRATIVA DEL FUTURO

Sónar +D analizzerà inoltre, da ogni angolo, le nuove sfide che la realtà virtuale (RV) e le culture di immersione pongono ai creativi: narrative, tecnologia, produzione e suono.

Su questo argomento interverranno: Jessica Brillhart, importante regista presso GoogleGabo Arora, fondatore del UNVR (United Nations Virtual Reality)Edu Pou, direttore creative esecutivo dello studio di realtà virtuale Americano Here be Dragons, vincitore di numerosi premi, e McKenzie Stubbert, compositrice e frequente collaboratrice a progetti di RV con registi come Chris Milk e Kathryn Bigelow.

Nello spazio Realities+D si potrà appezzare contemporaneamente di una selezione di più di 20 opere di realtà virtuale, che presenta le produzioni più significative del 2017, tra cui: Dear Angelica, la prima opera di animazione di disegni a mano in realtà virtuale, Ground Beneath Her, un documentario sul terremoto in Nepal, HomeVR Spacewalk, in cui lo spettatore si ritrova nel corpo di un astronauta, e DeepDream VR, un viaggio attraverso il mondo onirico creato dal Deep Dream Software, un’opera di Jessica Brillhart, Google.

SONAR 360º BY MOVISTAR

Sonar360º è il nuovo spazio di Sónar+D ispirato da Movistar+ e dedicato a opere audiovisive “fulldome”, un ambiente immersivo dove il pubblico è completamente circondato da immagini e suoni a 360.

Questo nuovo spazio sarà curato in collaborazione con SAT (Societé des Arts Tecnologiques) di Montréal, un’istituzione di arti tecnologiche fondata nel 1996 e pioniera nello sviluppo delle tecnologie di immersione.

Il programma Sonar360° di Movistar+ consisterà in una selezione di pezzi fulldome prodotti da SAT da parte di alcuni degli artisti visivi più importanti nella scena internazionale dei nuovi media, quali Joanie Lemercier, Will Joung, Nicolas Nöel Jodoin, tra gli altri, nonché da due workshop: “Introduzione alla lingua di immersione” e “Produzione di immagini sferiche”, ospitate dai ricercatori SAT.

I workshop si svolgeranno all’interno della stessa cupola che avvolgerà gli spettatori a 360 gradi, un’opportunità unica per imparare a progettare pezzi d’immersione in un ambiente sferico immersi nel suono. I workshop si terranno mercoledì 14 giugno e giovedì 15, con accesso esclusivo per i professionisti accreditati che si sono registrati in anticipo.

sonard5

NETWORKING DAY: MERCOLEDÌ 14 GIUGNO

Quest’anno Sónar+D aumenterà il numero delle attività con più workshop, conferenze, dibattiti ed esperienze d’immersione. Inoltre, aggiungerà al proprio calendario un “Networking Day”, mercoledì 14 giugno, prima dell’inizio del festival che sarà riservato esclusivamente ai professionisti accreditati.

Durante questa giornata, i professionisti presenti saranno in grado di accedere a contenuti e attività progettate specificamente per migliorare gli incontri e i dibattiti che nel tardo pomeriggio culmineranno in un evento di networking informale attorno a una paella gigante.

INIZIATIVA OPEN MUSIC: UN PROGETTO AMBIZIOSO PER UNIFICARE LA DISTRIBUZIONE MUSICALE DIGITALE

Tre delle forze trainanti dietro l’Open Music Initiative (Panos Panay, Michael Hendrix e Marko Ahtisaari) e altri esperti provenienti da tutto il mondo s’incontreranno al Sónar+D per organizzare un’unica assemblea internazionale in Europa. Il progetto rivoluzionario include più di 170 aziende del settore musicale (come Youtube, Spotify e Universal) con lo scopo di creare un nuovo formato standard che cambierà profondamente la distribuzione della musica digitale.

L’obiettivo è creare un sistema aperto e universale che identifichi gli autori di un file musicale e che permetta loro di essere giustamente remunerati in modo più facile e veloce.

Questo enorme progetto riunisce tutti gli attori dell’industria musicale ed è condotto da tre importanti istituti di ricerca e innovazione: Berklee, la scuola internazionale di musica di riferimento, il leggendario centro di ricerca MIT Medialab e la consulenza di progettazione IDEO.

STARTUP GARDEN PROMUOVE 30 STARTUP CREATIVE DA TUTTO IL MONDO

Garden Startup, con tecnologia MIGRATION, è lo spazio dedicato all’ecosistema imprenditoriale legato alle tecnologie creative. A differenza di altri concorsi di startup, Garden Startup, con tecnologia MIGRATION, è un concetto innovativo in cui verranno selezionate solo 30 startup e trarranno vantaggio da un programma di attività progettata per accrescere la promozione, il networking e le opportunità di investimento. Queste attività includono il Mentoring per startups, Meet the Investor, sessioni “one on one” per mettere in contatto gli investitori con gli imprenditori. Tali attività sono tutte destinate a professionisti accreditati.

Il team di mentori includerà luminari come Joyce Lu, business angel che ha partecipato al team di progettazione di MacBook Air, Jon Eades, responsabile delle iniziative incubatrici per il leggendario studio di registrazione Abbey Road e Simon Lee, fondatore dell’acceleratore di videogiochi INCUBIO. Faranno parte di questo team anche imprenditori come Damià Garcia Priu e Daniel Romi di Restb.ai, specializzati in Intelligenza Artificiale applicata al business. Altri partecipanti che hanno già confermato sono Koh Martinez, fondatore di LoudBasstard Inc. e presente nella lista Forbes “Asia 30 under 30”.

Gli investitori includeranno Joanna Smith di Edge’s Fund, uno dei principali finanziatori culturali e d’intrattenimento del Regno Unito, John Acquaviva il cui fondo Plus8 Equity Partners si occupa di tecnologia musicale, Entrée Capital che conta Snapchat tra i suoi successi, Enrique Sarasola, imprenditore e CEO della catena alberghiera Room Mate e Paul Degueuse, del fondo Korelya Capital che quest’anno investirà 100 milioni di euro in startup in tutta Europa. Altri fondi che hanno già confermato la loro presenza sono Ambar Capital, Kibo Ventures, K Fund, Palladium (hotel Usuhaia e Palladium) e 360 Capital Partners.

MIGRATION (Business & Organization) è una consulenza focalizzata sulla trasformazione delle aziende nell’era digitale da una prospettiva di business, tecnologia e progettazione organizzativa. Funziona sulla convergenza tra il mondo aziendale, le startup e la visione accademica.

sonard2

ALTRE ATTIVITÀ PROGRAMMATE PER IL GRANDE PUBBLICO

“Entropy” sarà l’evento inaugurale di Sónar+D 2017 per il grande pubblico giovedì 15 giugno, uno spettacolo transmediale sull’origine e la fine dell’Universo che sfuma i contorni tra una conferenza, un concerto audiovisivo e un documentario live. Il progetto prevedrà una conferenza scientifica dell’astronomo e cosmologo Dida Markovic con un’ambiziosa esposizione multisala sul palco, la musica originale del leggendario Dopplereffekt, le immagini e le visualizzazioni dei dati provenienti dal collettivo europeo Antivj.

“Entropy” fa parte del programma We Are Europe, con il motto “Cultura nella città di domani”. I festival europei invitati quest’anno sono TodaysArt (L’Aia, Olanda) e c/o pop (Colonia, Germania).

Il programma We Are Europe di Sónar+D 2017 è completato dalle seguenti conferenze: How a creative mind works, Come funziona una mente creativa (con Playmodes, Tarik Barri, Nonotak e Alba G.Corral), Blockchain for artists, labels and fans, Blockchain per artisti, etichette e tifosi (Peter Harris, Cliff Fluet , Blanca Rego, Bas Grasmayer) e Hundreds of audio-artists and one composer-performer Turing-test machine, Centinaia di audio-artisti e una macchina di Turing-test compositrice-interprete (con Francisco López).

Inoltre, una conferenza sulla robotica della progettista americana Carla Diana si unirà ai colloqui in precedenza annunciati sulle tecnologie creative. Da una parte, una conversazione tra Daito Manabe e Motoi Ishibashi, i due fondatori dello studio giapponese di new media Rhizomatiks, dall’altra, un discorso di Ayah Bdeir, imprenditore creativo e fondatore di littleBits, piattaforma elettronica di parti di costruzione, utilizzata sia nelle scuole che dai progettisti di tutto il mondo.

sonard7

AREA DI ESPOSIZIONE: SFIDA DI INNOVAZIONE DI MARKETLAB E SONAR

MarketLab, lo spazio espositivo di Sónar+D, riunirà più di trenta aziende tecnologiche, università e laboratori creativi per presentare i loro ultimi prodotti, i prodotti finali, i prototipi, i servizi e le opere artistiche completate o in via di sviluppo. Questa è la zona principale per l’interazione tra partecipanti e creatori. Gli enti e i progetti che faranno parte di MarketLab 2017 saranno annunciati presto.

Per il secondo anno Sónar+D ospiterà la Sónar Innovation Challenge in collaborazione con il gruppo Music Technology dell’Universitat Pompeu Fabra. Per questo hackathon, le seguenti società tecnologiche: Inflight VR / Airbus, MTG, Audio Commons, Deezer, Teosto Future Labs / NEMO Project e Red Bull Amaphiko presenteranno sei sfide che saranno sviluppate da team multidisciplinari (programmatori, artisti, hacker e creatori) per cinque settimane e i risultati dei prototipi saranno presentati a Sónar+D.

WORKSHOP

I workshop rappresentano il contesto pratico di Sónar+D. Organizzati con importanti istituzioni e aziende, sono progettati per esplorare e sviluppare competenze e tecniche. Il programma di quest’anno include la cultura “del fare”, la progettazione sonora nel settore della RV, la costruzione di sintetizzatori analogici e l’audiovisivo d’immersione.

sonard8

COLLABORATORI E SPONSOR DI SÓNAR+D 2017

Sónar+D è un’iniziativa di Advanced Music nell’ambito del Festival Sónar. La collaborazione delle amministrazioni per il consolidamento, la proiezione e lo sviluppo di Sónar+D, si raggiunge attraverso due accordi firmati insieme al Consiglio comunale di Barcellona e al Dipartimento della Cultura di ICEC della Generalitat. Questi accordi corrispondono alla definizione congiunta degli obiettivi e a un piano di attività che producono effetti e contribuiscono a settori di ampio respiro del tessuto creativo e commerciale della città e dei suoi cittadini.

Sónar+D ha il sostegno del programma creativo dell’Unione Europea “We Are Europe” ed è anche sostenuta dalla Fondazione Sorigué, Digital Migration Partners, Sacem, UPF Music Technology Group e Illycaffè.


https://sonarplusd.com/

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn