Many Venues - Barcelona
15 - 17 / 06 / 2017

Björk va ad aggiungersi al programma del Sónar 2017 con la sua esposizione immersiva sulla Realtà Virtuale presso il CCCB, un discorso al convegno Sónar+D e un esclusivo DJ di 4 ore per inaugurare il festival.

“Björk Digital” si terrà presso il Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona (CCCB) dal 13 giugno al 24 settembre. I visitatori potranno godere di una straordinaria mostra immersiva, con opere di Realtà Virtuale e video scaturiti dalle collaborazioni recenti dell’iconica artista islandese con alcuni tra i migliori programmatori e artisti visivi del mondo. La mostra unisce performance, cinema, installazione, video e interazione con la Realtà Virtuale che svolge un ruolo fondamentale nell’esperienza.

Un esclusivo Björk DJ Set per la serata inaugurale di mercoledì 14 giugno (per cui è richiesto un biglietto a parte) completerà il programma musicale del Sónar 2017, che sarà caratterizzato da oltre 140 spettacoli distribuiti su 9 palchi, tra Sónar by Day e Sónar by Night.

Il coinvolgimento di Björk al Sónar 2017 (DJ set, esposizione e convegno) mette in luce l’ampia gamma di attività e format che si terranno e a cui si potrà assistere durante i sette giorni di festival di quest’anno, sia nei nelle aree di Fira Montjuïc e di Fira Gran Vía, sia in vari spazi culturali iconici associati al Sónar in tutta la città: un’autentica Settimana del Sónar in tutte le sue forme (un festival, 3 convegni e 4 mostre) che trasforma la città di Barcellona in una piattaforma culturale unica.

sonar5

Il programma musicale del festival aggiunge le date di mercoledì 14 e domenica 18 giugno al programma, con il DJ Set di Björk della serata inaugurale e il concerto di chiusura presso l’Auditori, con Nico Muhly al pianoforte e Stargaze che eseguirà “Death Speaks” di David Lang.

Sónar+D inserisce nel suo programma “Maker Faire Barcelona”, l’evento rivolto ai maker (“artigiani digitali”) aperto e gratuito anche per famiglie, che si svolge presso il Padiglione Italiano di Fira Montjuïc.

La Settimana del Sónar viene completata da una spettacolare gamma di mostre in città tra cui, oltre alla “Björk Digital”, l’antologia dedicata a una delle figure più influenti del nostro tempo, “David Bowie Is”, presso il Museo di Design di Barcellona, mostra ideata dal London’s Victoria and Albert Museum; “Lightforms / Soundforms” di Brian Eno, la mostra più completa sul suo lavoro fino ad oggi, al Centre d’Art Santa Mònica; infine “Blackout” dell’artista catalano recentemente deceduto Tres, presso la Virreina Centre de la Imatge.

Il Sónar ritorna anche in due location abitualmente associate al festival: il padiglione Mies van der Rohe ospita l’installazione sonora “Wave Shift” di Mark Bain e la prima del pezzo dance sperimentale “Èpica” a Mercat de les Flors.

Tra le rappresentazioni di quest’anno ci sono i nuovi spettacoli di Justice, Nicolas Jaar, Anderson. Paak & The Free Nationals, Arca & Jesse Kanda, Soulwax, Dj Shadow, Masters At Work, Moderator, Eric Prydz o De La Soul. Ogni anno il festival esplora le ultime tendenze della musica e della cultura elettronica, dai nuovi ritmi urbani alla musica dance fino ai suoni sperimentali e agli artisti che trascendono ogni genere.

Nuove narrazioni nella Realtà Virtuale, esperienze immersive, impatto dell’Intelligenza Artificiale sulle arti, tendenze dei maker e delle nuove tecnologie musicali saranno i temi centrali al quinto Sónar+D. Allo stesso tempo il Sónar+D quest’anno anticipa la sua apertura con un giorno di Networking mercoledì 14 giugno, giorno di apprendimento e di dibattito esclusivamente per i professionisti.

L’esposizione “Björk Digital” è un esempio di progetti di realtà e di ambienti immersivi che spicca anche al Sónar+D di quest’anno. La Conferenza del Sónar per le Tecnologie Creative offrirà un’ampia gamma di esperienze immersive, sia attraverso attività aperte al pubblico che conferenze solo per i professionisti: Sonar360º by Movistar+ presenterà un nuovo spazio dedicato agli audiovisivi “fulldome”; il programma Realities+D si espande con più di 20 pezzi di Realtà Virtuale applicati alle arti; la macro-installazione di “phosphere” a SonarPlanta e la spettacolare conferenza-show “Entropy” saranno presentati anche al Sónar+D.

sonar6

“Björk Digital”, l’esposizione immersiva di Björk

Dal 14 giugno al 24 settembre sarà possibile visitare la mostra “Björk Digital” presso il Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona (CCCB). Questa straordinaria mostra immersiva presenta opere digitali e video delle collaborazioni iconiche dell’artista islandese con alcuni tra i migliori artisti e programmatori del mondo.

“Björk Digital” al Centro per la Cultura Contemporanea di Barcellona rimarrà aperta fino al 24 settembre, il suo ultimo giorno, in seguito alle mostre di Tokyo, Sydney, Montreal, Reykjavík, Londra, Messico e Los Angeles (dal 19 maggio al 4 giugno) e offriranno un’occasione unica per visitare la mostra in Spagna.

“Björk Digital” è una mostra immersiva concepita come un’esperienza per immergersi nell’universo creativo unico di Björk, dove la realità virtuale svolge un ruolo importante. La mostra, che combina performance, cinema, installazione, video e interazione, comprende diversi pezzi audiovisivi realizzati con le ultime tecnologie nella Realtà Virtuale e mostrerà diverse opere realizzate da Björk in collaborazione con artisti quali Michel Gondry, Spike Jonze, Alexander McQueen, Nick Knight, Stephane Sednaoui, e più recentemente Jesse Kanda, Andrew Thomas Huang, Warren du Prees e Nick Thornton Jones.

“Björk Digital” è una coproduzione tra CCCB e Sold Out, in collaborazione con il Sónar.

sonar4

La serata inaugurale del Sónar 2017: il DJ Set di Björk

Mercoledì 14 giugno Björk parteciperà alla serata inaugurale del Sónar 2017 con un esclusivo DJ Set di 4 ore presso il palco SonarHall di Fira Montjuïc. Sarà un’occasione unica per godere di un intenso viaggio sensoriale di generi diversi che hanno influenzato la sua carriera, che vanno dall’elettronica sperimentale alla nuova grime, fino alla musica tradizionale di tutto il mondo.

L’artista islandese in genere si allontana dalle tendenze standard della dance per concentrarsi di più su un suono più astratto e caleidoscopico, selezionando influenze da una pletora di fonti, dimostrando sfumature innovative alle sue prestazioni sempre impegnative e dinamiche.

Lo spettacolo avrà luogo dalle ore 20.00 il giorno prima che il festival principale apra le sue porte al resto degli spazi e delle tappe di Montjuïc. Questa performance sarà limitata a un massimo di 3.000 persone e richiederà l’acquisto di un biglietto a parte. Tutti i normali pass del Sónar non consentiranno l’accesso a questo evento.

Il Sónar 2017 conclude il suo programma musicale

Il Sónar 2017 chiude il suo programma musicale con l’aggiunta dell’eccezionale DJ Set di Björk, che sarà caratterizzato da oltre 140 spettacoli distribuiti su 9 palchi.

Il festival celebra la musica dance in senso ampio e prismatico (Justice, Masters At Work, Soulwax, Cerrone, Moderat, Seth Troxler & Tiga, Nina Kraviz, The Black Madonna, Derrick Carter, Marcel Dettman…), sostiene con il suo impegno a artisti con profili unici che trascendono i generi (Nicolas Jaar, Arca & Jesse Kanda, Jon Hopkins, Matmos, Suzanne Ciani, Nosaj Thing e Daito Manabe, Nico Muhly …), scenderà in profondità nei ritmi urbani non convenzionali e più radicali (Tommy Cash, C.Tangana, Dellafuente + Dj Maka, Kiddy Smile, Florentino, Total Freedom…) e percorrerà le radici della black music di hip hop, soul e dub(Fat Freddys´s Drop, Thundercat, Anderson .Paak & The Free Nationals, De La Soul, Dj Shadow…), così come i generi più all’avanguardia dell’epoca della grime (Clams Casino, DAWN, Giggs, Nadia Rose, Aj Tracey…).

sonar8

L’intervento di Björk’s al Sónar+D sui suoi legami con il mondo audiovisivo

Björk terrà anche un discorso alla conferenza del Sónar+D, che quest’anno si concentrerà sugli ultimi progressi nel campo di Intelligenza Artificiale e Realità Virtuale applicati alle arti.

Mercoledì 14 giugno, giornata esclusivamente per i professionisti accreditati, Björk discuterà i suoi stretti legami con il mondo audiovisivo, tema centrale della sua esposizione.

Per partecipare a questo intervento è necessario avere essere accreditati come professionisti al Sónar+D

Il Sónar+D 2017 apre per un’altra giornata, in esclusiva per i professionisti, e presenta la “Maker Faire Barcelona”, un evento per maker a ingresso libero particolarmente adatto per le famiglie.

Quest’anno il Sónar+D apre nella giornata di mercoledì 14 giugno, prima dell’inizio del festival vero e proprio. “The Networking Day”, dedicato in esclusiva ai professionisti, consiste in conferenze e dibattiti approfonditi su alcuni temi di spicco di quest’anno.

Oltre all’intervento di Björk, il Networking Day analizzerà a fondo i formati e gli ambienti immersivi, le nuove narrative della Realtà Virtuale, l’impatto dell’Intelligenza Artificiale sull’arte e lo sviluppo di protocolli standard per la gestione dei diritti musicali.

Il Sónar+D si rivolge in particolar modo alle famiglie, soprattutto al mondo dei maker, grazie alle attività del Maker Faire Barcelona di sabato 17 e domenica 18 giugno, tutte a ingresso libero. L’evento “Maker Faire” riunirà appassionati di tecnologia, artigiani, insegnanti, creativi, ingegneri, comunità scientifiche, scrittori, artisti ed espositori. L’obiettivo è condividere la propria esperienza e le metodologie di lavoro del mondo maker, e stabilire un rapporto fra il pubblico e le avanzate tecnologie che le rendono possibili.

sonar3

Ambienti immersivi, una priorità del Sónar+D

Il Sónar+D sarà pieno di momenti salienti, grazie a nuovi linguaggi immersivi che mettono l’utente al centro dell’esperienza. Realities+D, seziona dedicata alle maggiori produzioni di Realtà Virtuale di quest’anno, cresce e amplia il proprio programma con più di 20 titoli, comprese anteprime europee e mondiali.

È stato aggiunto anche Sonar360º by Movistar+, nuovo spazio con tecnologia fulldome dedicato a opere audiovisive e spettacoli live che esplorano le possibilità creative dell’immagine e delle sonorità avvolgenti.

SonarPLANTA, risultato della collaborazione fra il Sónar e la Sorigué Foundation, dà vita a produzioni di spicco di grandi artisti della scena New Media internazionale. Quest’anno presenterà “Phosphere”, una sofisticata installazione interattiva a opera di Daito Manabe, poliedrico artista giapponese, e del proprio studio di tecnologie creative, Rhizomatiks.

Anche il concetto di creazione dopo la rivoluzione dell’Intelligenza Artificiale e le nuove narrative della Realtà Virtuale figurano fra i temi centrali di quest’anno

All’interno delle conferenze e dei workshop, l’impatto rivoluzionario dell’intelligenza artificiale sui creatori di domain è uno dei temi centrali al Sonar+D 2017, grazie alla partecipazione di ricercatori, artisti e tecnologi all’avanguardia del settore.

Fra i partecipanti vi sono artisti come Memo Atken e produttori di robot come Darius Kazemi. In questa sezione tre grandi dipartimenti di Google (Artists and Machine Intelligence, Magenta and Google Arts and Culture) presentano progetti, strumenti e prototipi in cui ci si chiede se la creatività sia solamente umana o se la creazione può nascere anche dalla collaborazione fra esseri umani e macchine.

Google prenderà parte anche alle conferenze e ai workshop dedicati alla creazione della Realtà Virtuale, con la collaborazione di organizzazioni come le Nazioni Unite e studi come Within, leader nella creazione di contenuti per la Realtà Virtuale.

sonar7

Gestione trasparente e efficace dei diritti musicali: la sfida per l’Open Music Initiative

Il congresso vedrà anche la partecipazione di organizzazioni come la leggendaria MIT Media Lab, Ideo e la Berklee College of Music, che presenteranno “Open Music Initiative”, progetto che mira a definire un protocollo standard per la gestione dei diritti degli artisti e dei creativi.

In questo incontro i fondatori di OMI (Panos Panay, Marko Ahtisaari e Michael Hendrix) sveleranno per la pima volta al pubblico la tecnologia che hanno sviluppato per unificare i metadati musicali e i protocolli di interoperabilità fra piattaforme. L’obiettivo è rendere possibili l’identificazione dell’utilizzo della musica e la corresponsione rapida, giusta e trasparente degli artisti.

Marketlab si concentra sulle tecnologie musicali

Come al solito MarketLab si ripresenta al grande pubblico al Sónar+D, mettendo insieme 30 progetti di ricerca tecnologica, creazione, sperimentazione e progetti industriali che quest’anno vertono, fra le alte cose, sulle tecnologie musicali.

All’edizione di quest’anno parteciperanno centri di sperimentazione creativa come l’incubatore Somerset House Studios, e la New York’s School for Poetic Computation con Absolut; e ancora piattaforme creative come Kickstarter e lo strumento di creazione littleBits, oltre alle università RMIT (Australia) e Kuntsuniversitat Linz (Austria).

sonar9

Startup Garden e Sónar Innovation Challenge, dove si forma e si sviluppa il business del Sónar+D

Startup Garden offerto da MIGRATION e la Sónar Innovation Challenge connettono l’universo creativo e tecnologico del mondo del business. Con due obiettivi: promuovere l’innovazione e la creazione di nuovi prototipi, e aiutare le startup a consolidare i propri modelli di business e a procurarsi finanziamenti.

Startup Garden offerto da MIGRATION è uno spazio espositivo unico nel suo genere che spicca fra gli altri eventi grazie alla propria specializzazione (è incentrato sui settori creativi) ed esclusività, con una selezione di sole 30 startup. Le aziende selezionate avranno a disposizione un team di mentori da varie industrie, un background interdisciplinare da professionisti e un’esperienza totale nel mondo dell’impresa. Startup Garden offerto da MIGRATION fornirà alle imprese partecipanti un’opportunità unica per coltivare I propri progetti, aumentare la propria visibilità e promuovere i propri prodotti a migliaia di nuovi clienti/utenti, creare rapporti con nuovi investitori ed estendere e rafforzare le proprie collaborazioni nell’ambito del festival.

La Sonar Innovation Challenge stabilisce legami fra imprese che necessitano di innovazione e creativi con i profili più disparati: hacker, designer, programmatori, ingegneri e artisti. Quest’anno verranno lanciate 6 sfide da varie realtà, fra cui MTG, Deezer, Red Bull Amaphiko, Teosto Future Labs e InFlight VR. 6 team interdisciplinari composti da 5 persone affronteranno queste sfide attraverso la creazione di prototipi da presentare al Sónar+D.

Il Sónar estende il proprio programma alla città, con una settimana piena di attività culturali straordinarie

Fra lunedì 12 e domenica 18 giugno, Barcellona vivrà una delle settimane più vive dell’anno dal punto di vista culturale. La presenza di Björk al Sónar 2017 (DJ Set, mostra e intervento) è l’emblema della vasta gamma di attività che si terranno nei sette giorni di festival quest’anno. Le attività si svolgeranno sia nelle location abituali di Fira Montjuïc e Fira Gran Vía, sia nei numerosi spazi culturali della città associati al Sónar; un’autentica Sónar Week in tutte le sue forme: festival, congresso ed esposizioni.

sonar2

FESTIVAL

Al programma musicale del festival si aggiungono mercoledì 14, inaugurazione con il DJ Set di Björk, e domenica 18 giugno, concerto di fine festival all’Auditori, che vedrà Nico Muhly al pianoforte e Stargaze che intonerà “Death Speaks” di David Lang. Il padiglione Mies van der Rohe ospiterà l’installazione sonora “Wave Shift” di Mark Bain, e lo spettacolo di danza sperimentale “Èpica” di Aimar Pérez Galí si svolgerà al Mercat de les Flors.

CONFERENZE

Il Sónar+D offre un’anteprima del festival nel Networking Day di mercoledì 14 giugno, un’occasione di dibattito e apprendimento dedicato esclusivamente ai professionisti. Il programma comprende anche Maker Faire Barcelona, un evento dedicato alle tecnologie per i maker adatto alle famiglie, che si svolgerà al Fira Montjuïc Italian Pavilion sabato 17 e domenica 18 giugno e sarà ad ingresso libero.

Martedì 13 e mercoledì 14 giugno, CosmoCaixa ospiterà la IGL 2017 Global Conference organizzata da Nesta, un evento annuale incentrato sulle politiche di innovazione e di impresa, che mira a mettere in evidenza le ultime tendenze per quanto riguarda le politiche pe l’innovazione, l’impresa e la crescita. La conferenza riunirà politici, industriali e ricercatori da tutto il mondo, entrerà nel programma del Sónar+D mercoledì 14 giugno e vedrà i partecipanti presentare i progetti più innovativi e i talenti che stanno dietro questi progetti.

MOSTRE

Lo straordinario programma di mostre comprende “Björk Digital”; “David Bowie Is”, l’antologia dedicata a una delle figure più influenti dei nostri tempi, prodotta da London’s Victoria e Albert Museum, che si svolgerà al Museo del Design di Barcellona; “Lightforms / Soundforms” di Brian Eno, la mostra più completa sull’operato dell’artista, che si svolgerà all’Arts Santa Mònica; e infine “Blackout”, dell’artista catalano scomparso di recente Tres, al Virreina Centre de la Imatge.

https://sonar.es/

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn