Performing Art

Web

Live Performers Meeting 2017 Amsterdam – Deadline 10/04/2017

LMP promuove la ricerca, la sperimentazione e l'incontro tra linguaggi (analogici e digitali) e forme di espressione artistica differenti (hardware e software). Uno dei più importanti eventi nel campo delle Arti Performative Audio-Visive alla sua XVIII edizione (18-21 maggio 2017, Amsterdam) invita artisti e performer ad inviare i loro progetti: live mapping e performance audio-visive, VJ set, installazioni interattive, conferenze, workshop e progetti in mostra. Con una speciale attenzione ai progetti free e open source. Scadenza: 10/04/2017.
tesseract2

Charles Atlas, Rashaun Mitchell, Silas Riener: Tesseract

Nato da una ricerca e un processo di sviluppo durato molti anni, l’artista Charles Atlas e i coreografi Rashaun Mitchell e Sila Riener presenteranno in anteprima Tesseract al Curtis R. Priem Experimental Media and Performing Arts Center (EMPAC) presso il Rensselaer Polytechnic Institute, il loro nuovopettacolo di danza dal vivo e video 3D in due parti.
intermediality call for papers

Unstable Geographies, Multiple Theatricalities – São Paulo | DEADLINE 15/01/2017

L' Intermediality in Theatre and Performance Working Group esamina le interrelazioni del eatro con altri media così come le combinazioni di media differenti nella performance. Per la conferenza che si terrà a San Paolo del Brasile a luglio 20177 sul tema “Unstable Geographies, Multiple Theatricalities” si accettano proposte entro il 15/01/2017.
unit1

#UNIT 2017 | La Global LGBTI Tech & Science Conference

#UNIT 2017 | La Global LGBTI Tech & Science Conference si terrà il 6 maggio 2017 a Berlino. #UNIT è una conferenza unica e coinvolgente: un’atmosfera distesa, positiva, senza alcuna formalità, numerose possibilità di connessione, conferenze motivanti, musica, incontri, spettacoli e mostre.
bimesMOD

Art, Empathy, and Ethos residency @Bemis Centre for Contemporary Art. Deadline 1/12/2016

Bemis Center for Contemporary Arts accoglie proposte di progetto da artisti e performers per una residenza pagata (Omaha USA, 20 Settembre - 17 November, 2017), incentrata sul tema dell'empatia in tutte le sue disparate manifestazioni, dalla giustizia sociale e i diritti umani, alla questione ambientale e del cambiamento climatico. Deadline: 1/12/2016.
kafai1

Choy Ka Fai: corpo, memoria, speculazioni

Choy Ka Fai artista di Singapore, è famoso per le sue performance e installazioni in cui i movimenti del danzatore vengono stimolati e registrati attraverso l'uso dei mezzi tecnologici, e scambiati con quelli degli altri performer. Il corpo diventa quindi una base su cui poter sperimentare e rendere visibile il digitale e la sua sfera più nascosta
choi1

Ahata Anahata: Manifest Unmanifest IX di Jung Hee Choi

L'installazione multimediale Ahata Anahata, Manifest Unmanifest IX di Jung Hee Choi è visitabile al MELA Foundation di New York. L'artista famosa per le sue composizioni ambientali fatte di disegni, luci e suoni, in quest'opera invita lo spettatore a immergersi in un'atmosfera che lo spingerà oltre il reale, quasi a toccare altri mondi
easyisnotaconcept1

Easy is Not a Concept. Rivendicare il corpo come tecnologia

Allo studio Eyebeam di New York è presente la mostra personale di Nancy Nowacek. Attraverso opere scultoree, digitali e performative l'artista affronta la tematica del corpo, espandendosi oltre la grammatica del movimento funzionale per sfidare e dare nuova forma agli schemi contemporanei corporei, riportando così il corpo a essere strumento.
bodies and stage 1

Bodies and Stages

Alla mostra Bodies and Stages, presso il Kunstverein Hannover, si indaga sulle questioni relative al mostrarsi, al posare e all’apparire, interrogandosi se il contesto performativo ed espositivo possono cambiare l'identità fisica. Presenti i lavori live e installativi di Alexandra Bachzetsis, Vaginal Davis, Adam Linder e Shahryar Nashat.
Allora 1

Allora & Calzadilla: Echo to Artifact

Allora & Calzadilla: Echo to Artifact è la prima mostra d’arte in Canada degli artisti di fama mondiale Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla. Le opere sono il risultato di un viaggio di ricerca ad Alberta nel 2014, e riflettono sulla natura del suono, della musica e della voce come modo di animare le forme naturali e i manufatti antropici.
Joan Jonas 1

Joan Jonas: stream or river, flight or pattern

Joan Jonas una delle pioniere della video e performance art, e acclamata artista multimediale il cui lavoro spesso comprende video, installazioni, suoni, testi e disegni, è in mostra presso la Fundación Botín con la sua nuova installazione multimediale creata sul posto e in collaborazione con quindici giovani artisti internazionali.
Korakrit Arunanondchai 1

Korakrit Arunanondchai al Museion di Bolzano

È in corso al Museion di Bolzano la prima mostra personale in Italia di Korakrit Arunanondchai. Artista poliedrico e multimediale che si muove tra i territori dell'immaginazione e del reale, introducendo la componente digitale come elemento di riflessione e per indagare i fenomeni della globalizzazione e della comunicazione mass mediale.
High Line Art 1

High Line Performances

Da Giugno a Luglio a New York è presente High Line Performances. Una serie di eventi live che trasformano lo spazio dell'High Line in un teatro a cielo aperto. Nell'edizione di quest'anno presenti con giochi sonori, illusioni corporee e deviazioni percettive i performer Naama Tsabar, Maria Hassabi e Eduardo Navarro
Jan Lauwers 1

Jan Lauwers. Silent Stories

Jan Lauwers, Leone d’Oro alla Biennale di Venezia nel 2014, è in mostra al Ming Contemporary Art Museum di Shanghai. Incarnando il concetto di Arte Totale, Lauwers realizza opere multidisciplinari vagamente malinconiche, in cui è indagato il rapporto uomo-natura in una forma comunicativa e accessibile a ogni tipo di pubblico.
Joan Jonas 1

Joan Jonas: From Away

Al DHC/ART di Montreal è presente fino a Settembre una retrospettiva dell'artista multimediale Jonas Jonas. Mostra che segue passo dopo passo la carriera dell'artista americana e che sfocia in una commistione di linguaggi, segni e culture in cui ogni confine geografico e ideologico è annullato, incrociando visioni estetiche passate e presenti.
takatani1

La scena è un prisma. Note su ST/LL di Shiro Takatani

Se il teatro, come dice la sua etimologia, è il luogo della visione, la questione è qui quella di capire cosa si va a vedere e cosa si vede in scena, da che punto di vista gli uomini di teatro guardano il mondo, a quale livello di risoluzione vedono le cose. Shiro Takatani è uno dei massimi esponenti del teatro contemporaneo
Holbaek 1

An Age of Our Own Making

An Age Of Our Own Making è una mostra che si svolge in tre città danesi differenti, con lo scopo di avviare una riflessione intorno alla condizione umana attuale. Ecologia, libertà e spazio politico sono alcuni temi che gli artisti useranno nelle loro opere per rintracciare l'umano e il suo stato all'interno della società contemporanea.
//