Performing Art

antolì1

Virtual Choreography. La prima mappa mondiale dei gesti di Rosana Antolí

All'Arebyte Gallery sarà presentata Virtual Choreography di Rosana Antolí, in cui tramite una piattaforma online interattiva verrà creato un database di movimenti usufruibile e modificabile dal pubblico. L'idea è quella di indagare i legami tra danza, territorio e società, invitando il pubblico ad allargare la propria percezione fisica e mentale
kafai1

Choy Ka Fai: corpo, memoria, speculazioni

Choy Ka Fai artista di Singapore, è famoso per le sue performance e installazioni in cui i movimenti del danzatore vengono stimolati e registrati attraverso l'uso dei mezzi tecnologici, e scambiati con quelli degli altri performer. Il corpo diventa quindi una base su cui poter sperimentare e rendere visibile il digitale e la sua sfera più nascosta
choi1

Ahata Anahata: Manifest Unmanifest IX di Jung Hee Choi

L'installazione multimediale Ahata Anahata, Manifest Unmanifest IX di Jung Hee Choi è visitabile al MELA Foundation di New York. L'artista famosa per le sue composizioni ambientali fatte di disegni, luci e suoni, in quest'opera invita lo spettatore a immergersi in un'atmosfera che lo spingerà oltre il reale, quasi a toccare altri mondi
easyisnotaconcept1

Easy is Not a Concept. Rivendicare il corpo come tecnologia

Allo studio Eyebeam di New York è presente la mostra personale di Nancy Nowacek. Attraverso opere scultoree, digitali e performative l'artista affronta la tematica del corpo, espandendosi oltre la grammatica del movimento funzionale per sfidare e dare nuova forma agli schemi contemporanei corporei, riportando così il corpo a essere strumento.
bodies and stage 1

Bodies and Stages

Alla mostra Bodies and Stages, presso il Kunstverein Hannover, si indaga sulle questioni relative al mostrarsi, al posare e all’apparire, interrogandosi se il contesto performativo ed espositivo possono cambiare l'identità fisica. Presenti i lavori live e installativi di Alexandra Bachzetsis, Vaginal Davis, Adam Linder e Shahryar Nashat.
Allora 1

Allora & Calzadilla: Echo to Artifact

Allora & Calzadilla: Echo to Artifact è la prima mostra d’arte in Canada degli artisti di fama mondiale Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla. Le opere sono il risultato di un viaggio di ricerca ad Alberta nel 2014, e riflettono sulla natura del suono, della musica e della voce come modo di animare le forme naturali e i manufatti antropici.
Joan Jonas 1

Joan Jonas: stream or river, flight or pattern

Joan Jonas una delle pioniere della video e performance art, e acclamata artista multimediale il cui lavoro spesso comprende video, installazioni, suoni, testi e disegni, è in mostra presso la Fundación Botín con la sua nuova installazione multimediale creata sul posto e in collaborazione con quindici giovani artisti internazionali.
Korakrit Arunanondchai 1

Korakrit Arunanondchai al Museion di Bolzano

È in corso al Museion di Bolzano la prima mostra personale in Italia di Korakrit Arunanondchai. Artista poliedrico e multimediale che si muove tra i territori dell'immaginazione e del reale, introducendo la componente digitale come elemento di riflessione e per indagare i fenomeni della globalizzazione e della comunicazione mass mediale.
High Line Art 1

High Line Performances

Da Giugno a Luglio a New York è presente High Line Performances. Una serie di eventi live che trasformano lo spazio dell'High Line in un teatro a cielo aperto. Nell'edizione di quest'anno presenti con giochi sonori, illusioni corporee e deviazioni percettive i performer Naama Tsabar, Maria Hassabi e Eduardo Navarro
Jan Lauwers 1

Jan Lauwers. Silent Stories

Jan Lauwers, Leone d’Oro alla Biennale di Venezia nel 2014, è in mostra al Ming Contemporary Art Museum di Shanghai. Incarnando il concetto di Arte Totale, Lauwers realizza opere multidisciplinari vagamente malinconiche, in cui è indagato il rapporto uomo-natura in una forma comunicativa e accessibile a ogni tipo di pubblico.
Joan Jonas 1

Joan Jonas: From Away

Al DHC/ART di Montreal è presente fino a Settembre una retrospettiva dell'artista multimediale Jonas Jonas. Mostra che segue passo dopo passo la carriera dell'artista americana e che sfocia in una commistione di linguaggi, segni e culture in cui ogni confine geografico e ideologico è annullato, incrociando visioni estetiche passate e presenti.
takatani1

La scena è un prisma. Note su ST/LL di Shiro Takatani

Se il teatro, come dice la sua etimologia, è il luogo della visione, la questione è qui quella di capire cosa si va a vedere e cosa si vede in scena, da che punto di vista gli uomini di teatro guardano il mondo, a quale livello di risoluzione vedono le cose. Shiro Takatani è uno dei massimi esponenti del teatro contemporaneo
Holbaek 1

An Age of Our Own Making

An Age Of Our Own Making è una mostra che si svolge in tre città danesi differenti, con lo scopo di avviare una riflessione intorno alla condizione umana attuale. Ecologia, libertà e spazio politico sono alcuni temi che gli artisti useranno nelle loro opere per rintracciare l'umano e il suo stato all'interno della società contemporanea.
Korakrit 1

Korakrit Arunanondchai: Letters to Chantri #1

Letters to Chantri #1 la nuova installazione/performance di Korakrit Arunanondchai, visitabile fino a Maggio allo S.M.A.K di Ghent, apre una riflessione intorno agli stili di vita e alla società del consumo presente in Oriente e Occidente. Un'opera ibrida in cui esotismo, religione e futurismo sono interconnessi, dando vita ad una nuova visione.
vorn1

Bill Vorn. Immerso in un mondo di robot, metafore e paradossi

Bill Vorn è un artista e accademico Canadese con sede a Montréal. Ha lavorato alla realizzazione di performance, installazioni interattive, colonne sonore sperimentali, montaggio del suono, creazione di componenti per film, video, e altri progetti artistici di vario tipo. Le sue opere sono state presentate in occasione d’importanti festival ed eventi internazionali di media art
metabody 1

Becoming illegible. Jaime del Val: contrastare la Società del Controllo

Jaime del Val è un artista e ricercatore interdisciplinare spagnolo. La sua arte è un incontro tra danza interattiva, elettroacustica, video, e interventi urbani associati a un forte impegno sociale. Nel 2013 ha inaugurato Metabody, un progetto a più livelli che ha coinvolto artisti e studiosi provenienti da 16 Paesi europei.
Ragnar Kjartansson 1

Ragnar Kjartansson

Il Musée d’art contemporain de Montréal (MAC) è lieto e orgoglioso di accogliere Ragnar Kjartansson e il mondo unico che descrive attraverso uno humour ironico e una malinconia filosofica. Questo artista islandese acclamato a livello internazionale combina musica, teatro, performance, arti visive e film in opere colme di sofferenza romantica che si realizza nel tempo.
iii1

Media autoprodotti. Matteo Marangoni e l’instrument inventors initiative

Il mio primo contatto con Matteo Marangoni, e col collettivo di cui fa parte, iii, è avvenuto in occasione di Reading Room, una serie di gruppi di lettura supportati da iii. In questa serie di eventi ricercatori contemporanei, cultural theorists, e artisti, sono invitati a condividere dei testi con il pubblico