Audiovideo

kurokawa1

Dare un senso a tutto. Intervista con Ryoichi Kurokawa

Ryoichi Kurokawa è un'artista Giapponese che attraverso la sua arte proietta lo spettatore verso altri universi. I suoi audio-video sono creazioni sinestesiche che stimolano ogni senso dell'osservatore, giocando con la fantasia e inventando ambienti immersivi in cui è possibile trovare un altro sé
plastique10

Marco Barotti: ascoltando le diverse espressioni del suono

Artista e performer contemporaneo Marco Barotti è entrato a far parte della scena artistica internazionale grazie alle sue collaborazioni con Plastique Fantastique e Asphalt Piloten. I suoi lavori sono opere ibride che coinvolgono architettura, design, suono e tecnologie e che interagiscono con lo spazio e lo spettatore, creando un'esperienza totale dei sensi
breakthrough1

The Audiovisual Breakthrough di Ana Carvalho

The Audiovisual Breakthrough è un libro edito da Ana Carvalho e Cornelia Lund, che affronta e indaga l'interdisciplinarità della produzione audiovisiva, cercando di definire termini quali: visual music, cinema espanso, VJing e performance art. Scritto con la collaborazione di artisti e tutti coloro che lavorano con l'intersezione dei vari saperi.
videosoundart1

Video Sound Art Festival. “TA EROTIKA Hidden doors”

Con numerose novità torna anche quest’anno Video Sound Art, il festival milanese dedicato all’innovazione e all’arte contemporanea diretto da Laura Lamonea e giunto alla sua VI edizione. il festival quest’anno si svolge in autunno - dal 20 ottobre al 6 novembre, con una struttura reticolare che si sviluppa sul territorio cittadino milanese, toccando cinque differenti sedi
node1

NODE Festival 2016

NODE ritorna. Il festival dedicato alle arti elettroniche e digitali riparte per la sua ottava edizione ospitando artisti provenienti da tutto il mondo che esplorano le diverse stratificazioni del suono nei punti di intersezione con le discipline multimediali e le arti visive.
cc1

Copenhagen Contemporary

La nuova istituzione artistica Copenhagen Contemporary inaugurata ad Agosto con una mostra dedicata a Bruce Nauman e artisti del calibro di Yoko Ono e Carsten Nicolai, si pone come obiettivo quello di creare una rete tra città, musei e pubblico; presentando allo spettatore opere immersive e stimolanti di artisti di fama internazionale
AbuHamdan4

Lawrence Abu Hamdan: le implicazioni politiche del suono e del silenzio

(English) Lawrence Abu Hamdan is an artist, researcher, and private ear born in 1985 in Anman , Jordan and currently based in Beirut. In a few years he has achieved an expanded public due to his artistic and scientific research. He analyzes on the one hand surveillance technologies and forensic listening practices ( within legal hearings ) and on the other hand he focuses on language and phonetic comparisons of legal or political issues
palmer1

Il suono dell’assenza: Katrina Palmer e il dialogo tra scultura e narrazione

Ed è in quella materia scolpita che si fa parola che si rintraccia l'elemento chiave delle opere dell'artista Katrina Palmer. Oggetti quotidiani, paesaggi naturali e luoghi abbandonati divengono narrazioni sonore e scultoree che trasportano lo spettatore in una dimensione altra dell'esistente e del proprio essere, toccando l'immaginario.
BIM!

Biennale dell’Immagine in Movimento 2016

Il Centre d’Art Contemporain Genève annuncia gli artisti partecipanti e il nuovo progetto «Generations» per la Biennale de l’Image en Mouvement (Biennale dell’Immagine in Movimento) 2016. La Biennale è aperta al pubblico dal 9 Novembre 2016, in mostra fino al 29 Gennaio 2017
pattison3

Yuri Pattison: user, space

Alla Chisenhale Gallery di Londra è in mostra User, space di Yuri Pattison. Ispirandosi all’architettura modernista e alla fantascienza Pattison crea installazioni che riflettono la natura pervasiva delle nuove tecnologie e la loro crescente influenza sul modo e il luogo in cui viviamo e lavoriamo, prospettando un futuro che è già immaginato
fuse2

Codex Anima Mundi. fuse* e gli algoritmi meravigliosi

In un grande casale bianco, luminoso, immerso nella quiete della campagna modenese, ha trovato dimora e sta crescendo rigogliosamente una delle realtà più sorprendenti nel panorama delle arti Digitali italiane: fuse*, uno studio multidisciplinare fondato nel 2007 da Mattia Carretti e Luca Camellini.
tez1

Maurizio Martinucci (TeZ): investigazione creativa tra musica, arte e scienza

Maurizio Martinucci (aka TeZ) è un artista interdisciplinare e ricercatore indipendente italiano, stabilitosi ad Amsterdam. Usa la tecnologia come mezzo attraverso il quale esplorare gli effetti della percezione e la relazione con il suono, la luce e lo spazio. Il suo focus primario sono le composizioni generative con suono spazializzato, per esibizioni dal vivo e installazioni
Allora 1

Allora & Calzadilla: Echo to Artifact

Allora & Calzadilla: Echo to Artifact è la prima mostra d’arte in Canada degli artisti di fama mondiale Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla. Le opere sono il risultato di un viaggio di ricerca ad Alberta nel 2014, e riflettono sulla natura del suono, della musica e della voce come modo di animare le forme naturali e i manufatti antropici.
Oscillations 1

Oscillations di Joris Strijbos

Le installazioni cinetiche e i paesaggi immersivi e sinestetici dell'artista Joris Strijbos sono visibili al NOME di Berlino. Strijbos gioca con il potenziale della tecnologia per imitare i sistemi biologici e per unire il fattore matematico al mondo fisico, e intrecciando immagine, suono e luce dà vita a coreografie emergenti e multisensoriali.
Malcom le Grice 1

Malcolm Le Grice a MACBA per LOOP Barcelona 2016

Jan Lauwers, Leone d’Oro alla Biennale di Venezia nel 2014, è in mostra al Ming Contemporary Art Museum di Shanghai. Incarnando il concetto di Arte Totale, Lauwers realizza opere multidisciplinari vagamente malinconiche, in cui è indagato il rapporto uomo-natura in una forma comunicativa e accessibile a ogni tipo di pubblico.
resonate1

Resonate Festival 2016. Una combinazione tra Arte e Tecnologia

(English) A Resonate welcome speech is always a short and sweet moment. Festival organiser Eduard Prats Molner (aka Edu) took to the stage to declare the festival open and walked off. The essence of Resonate was as a leveller and was a place for sharing and debating ideas both during sessions and otherwise.
//