Somerset House – London
15 / 04 / 2016 - 16 / 04 / 2016

Negli ultimi anni dei minuscoli esseri automatizzati e senza senso si sono infiltrati nella nostra vita quotidiana attraverso twitter e le email. Si sono dilettati e agitati imitando i comportamenti umani (dal raccontare barzellette agli incontri online). Questi piccoli programmi informatici si chiamano bots (parola che deriva da robot) e le loro azioni ripetitive e spesso semplici hanno portato divertimento a/e spesso hanno preso in giro le piattaforme internet che oggigiorno mediano le nostre vite.

Questo fine settimana ricco di workshop, laboratori e showcase sarà un’occasione per incontrare i pionieri della comunità di creatori di bots, gettare uno sguardo alle loro pratiche e scoprire il lato più oscuro di questi programmi informatici.

I creatori dei bots si presentano sotto vesti differenti e l’intero weekend sarà caratterizzato dalla presenza di artisti, informatori, sviluppatori, giocatori di videogiochi, comici, intellettuali e inventori da questa micro-comunità globale.

arts of bot 2

Negli showcase sarà possibile scoprire qualcosa in più sui comportamenti dei bots, sul loro potenziale creativo e come essi siano connessi a storie di automi e legati a movimenti come il Dada eil Fluxus. Sarà un’occasione unica per mettere le mani sulle invenzioni dei bots e sui prototipi da cui derivano.

Le conferenze e le presentazioni avverranno al Disruption Network Lab: Bots a cura di Tatiana Bazzichelli. Una piattaforma permanente con eventi continui dove artisti, hacker, networkers, informatori e pensatori critici instaurano un dialogo. E in questo dibattito di gruppo il tema principale sarà il prendere in considerazione e l’interrogarsi sul potenziale politico e artistico che emerge dalla relazione tra sorveglianza e l’uso dei bots.

Insieme al fine settimana di eventi, verrà lanciato un programma online sulle attività dei bots. Questo programma mostrerà i nuovi e influenti progetti bots, compreso il lavoro del !Mediengruppe Bitnik.

arts of bot 3

Unisciti quindi ad Abandon Normal Devices per un fine settimana gratuito di performance di bots, workshop, dibattiti ed eventi. Scopri come i computer si stanno migliorando nel pensare come noi e come mostrano le crepe del funzionamento interno di internet.

Il programma è co-curato con Matthew Plummer-Fernandez, un artista britannico-colombiano con sede a Londra conosciuto per le sculture in stampa 3D, i bots e il famoso blog Algopop.


http://www.andfestival.org.uk/

https://www.somersethouse.org.uk/

 

 

 

 

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn