C/O Berlin, Museum für Fotografie - Berlin
17 / 02 / 2017 – 02 / 07 / 2017 ; 18 / 02 / 2017 – 23 / 04 / 2017

I lavori di Paolo Cirlo, Overexposed e Street Ghosts sono esposti in due importanti mostre presso il C/O Berlin e il Museum for Fotografie di Berlino. Entrambe le serie riflettono sulla sorveglianza e la privacy attraverso la combinazione di fotografia, internet e street art: Watching You, Watching Me. A Photographic Response to Surveillance presso il Museum für Fotografie (17 Febbraio – 2 Luglio, 2017) e Watched! Surveillance Art & Photography presso C/O Berlin (18 febbraio – 23 april, 2017). http://www.co-berlin.org/watched-surveillance-art-photography-0

Street Ghosts è installata sia all’interno che all’esterno  del Museum für Fotografie con quattro opere sulla facciata e l’entrata. Le foto, di individui prese da Google Street View, saranno appese nel preciso punto in cui sono state scattate in Jebensstraße 2, 10623 Berlin. https://paolocirio.net/work/street-ghosts

Overexposed è presentata presso il C/O Museum con tre lavori incorniciati dipinti su carta fotografica combinati con vari poster di street art. La grande installazione presso la America Haus presenterà selfie non autorizzati e foto di Keith Alexander (NSA), John Brennan (CIA), e James Comey (FBI). https://paolocirio.net/work/hd-stencils/overexposed

cirio2

L’esercizio fotografico unico di Cirio corrisponde precisamente agli approcci di queste due mostre che affrontano ed esaminano le traiettorie sociali e politiche di sorveglianza in correlazione con la fotografia artistica. In fine i suoi diversi lavori e mostre sulla fotografia gli permettono di coniare la definizione di Internet Photography.

Da The Photographers’ Gallery London: Internet Photography studia il ruolo rinnovato del mezzo fotografico e come incide sulla formazione e la comprensione della memoria personale e delle realtà sociali. Catturare Internet fotograficamente significa posizionare la camera all’interno di database, schermi, network, e algoritmi.” https://www.unthinking.photography/themes/machine-vision/internet-photography

In particolar modo con l’ultimo progetto, Obscurity, Cirio afferma “Le norme culturali e sociali che riguardano come vogliamo apparire e comunicare online, hanno ancora bisogno di essere formate. Materie di esposizione, vergona, umiliazione e stalking in aggiunta a trasparenza, oscurità, affidabilità, privacy e sorveglianza devono già essere civilizzate nel nuovo spazio in cui viviamo.” https://youtube.com/watch?&v=fcvA1id1ly0

cirio3

Paolo Cirio assume questo sfaccettato cambiamento dell’etica, dell’estetica, del potenziale, dei pericoli e delle contraddizioni in Internet Photography. Mentre il suo esercizio fotografico si estende in campi inesplorati, mettendo in discussione le implicazioni che circolano con internet politiche, economiche e culturali stabilite precedentemente.
https://paolocirio.net/press/texts/internet-photography.php

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn