MU - Eindhoven
06 / 10 / 2017 – 12 / 11 / 2017

Internet è dappertutto. Liberato dai siti web e dagli schermi, oggi penetra nella nostra mente, nei nostri corpi e in tutto ciò che ci circonda. Ogni giorno, ambiente fisico e digitale si integrano sempre più tra loro: in che modo questo condiziona la nostra esperienza e come siamo in grado di esprimere la nuova realtà aumentata?

Queste sono le domande affrontate da Materialising the Internet, la mostra co-curata da Nadine Roestenburg presso il MU di Eindhoven nell’ambito della Dutch Design Week di Eindhoven.

Oltre 20 artisti e designer internazionali trasformano internet in qualcosa di tangibile. Trasportando le relazioni virtuali nella vita reale o evadendo da essa attraverso la rappresentazione digitale del mondo reale, gli artisti in mostra dimostrano un fatto incomprensibile: che il mondo virtuale e quello reale non sono più due sfere separate.

Il visitatore potrà comprare un gratta e vinci al MU per avere l’opportunità di ottenere fino a 20 mila followers o un viaggio sentimentale attraverso la storia di Geocities – indietro nel tempo, nel periodo in cui tutto era meno complicato. Oppure, potrà guardare cosa un lettore d’aura rivela sullo smartphone o perdersi nell’inebriante prosa 3D dell’Additivist Cookbook.

Queste opere, che siano social, assurde, critiche, formali o metaforiche, hanno almeno due cose in comune: una breve analisi dei nostri tempi e la commovente transitorietà di qualsiasi prospettiva verso un futuro ancora inimmaginabile.

Artisti partecipanti: Morehshin Allahyari, Jip de Beer, Dennis de Bel, Joshua Citarella, Dries Depoorter, Julien Deswaef, Antonio Esparza, Tom Galle & ART404, Mieke Gerritzen, Joey Holder, Matthew Hollings, Kuang-Yi Ku, Jan Robert Leegte, Jeroen van Loon, Lauren McCarthy, Kyle McDonald, Brenna Murphy, Roel Roscam Abbing, Matthew Plummer Fernandez, Daniel Rourke, Brad Troemel, Clement Valla, Richard Vijgen, Valerie van Zuijlen.


http://mu.nl/nl

http://www.ddw.nl/en/event/1072

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn