Nei giorni 28, 29 e 30 Aprile si e’ svolta a Roma la prima convention italiana di Pure Data, linguaggio grafico di programmazione per la manipolazione e generazione di audio e video in real-time, nonche’ gestore di sistemi interattivi. L’evento, nato dalla collaborazione tra Binario Etico, Feramenta e Strike, rappresenta il primo tentativo organizzato di stimolare la nascita di una comunita’ italiana di utenti e sviluppatori di questo software libero ed open source.

Pure Data, creato originariamente negli anni ’90 da Miller Puckette per la creazione di computer music e opere multimediali, versione libera e perfezionata del proprietario Max/MSP (di cui Puckette e’ sempre l’autore), e’ un sistema modulare espandibile tramite librerie, externals e plugins. Questo significa che, oltre a poter creare le proprie patches ad-hoc, l’utente puo’ espandere le capacita’ del software e modificarne alcune proprieta’.

Il gioco tuttavia non si limita ne’ si rivolge soltanto ai mostri programmatori o agli adepti della ‘hacker art’. Il sistema e’ utilizzabile anche come una semplice e normale applicazione adatta a svolgere determinate e ben precise funzioni. Superato il gap dell’installazione, che e’ ormai piuttosto semplice, l’utente puo’ facilmente reperire una serie di patches gia’ pronte all’uso. In questo linguaggio le funzioni, sotto forma di ‘oggetti’, sono collegate tra loro entro un ambiente grafico che modella e controlla il fluire dell’informazione (dataflow). Le patches sono applicativi autocostruiti, ‘fatti in casa’, sorta di macchine pseudo-meccaniche disegnate e stilizzate, mondi logici impalpabili e percorsi segnati da mattoncini (oggetti) simili a quelli del lego.

.

Evoluzione digitale del ‘Grande Vetro’, questi meccanismi fatti di rettangoli connessi ad altri rettangoli hanno le stesse proprieta’ magiche delle progenitrici “macchine inutili”, con alcune differenze… Le “macchine inutili” di Duchamp, strumenti di critica del linguaggio discorsivo, funzionando secondo logiche non razionali e rompendo i rapporti causali tra oggetti ed eventi, propongono un mondo spazio-temporale diverso da quello che siamo abituati a cogliere con i nostri sensi. La macchina inutile denuncia i rigidi contorni del tecnicismo razionale (macchina efficace, macchina da guerra) e prefigura un mondo leggero, ironico e giocoso, un mondo dove l’arte, andando oltre il pensiero, muove le energie vitali e svolge una funzione primaria.

Con questo non si intendano le patch di PD come animali senza testa e senza coda, funzionanti al di fuori di ogni criterio. Questo linguaggio presenta, come ogni altro, una grammatica e una sintassi piuttosto precise. L’effetto stupefacente deriva dalla finalita’ e dall’utilizzo; Pure Data e’ un sistema che implica e non biasima l’imperfezione, l’errore, il non finito, l’astratto e l’ignoto. La ricerca e’ ricerca artistica, estetica, contenutistica.

.

Il risultato e’ quindi sempre sperimentale. Lo specifico uso di ogni pezzo di codice e’ come una ricetta flessibile, a seconda degli ingredienti reperibili e dell’umore del momento. La possibilita’ di reperire patch e applicativi deriva dal fatto che Pure Data e’ un software libero gestito da una comunita’ aperta, che si basa su concetti quali collaborazione e condivisione. La rivalita’ insita nella forma del mercato e del progresso e’ superata grazie alla sinergia con cui artisti e programmatori lavorano insieme verso un miglioramento degli strumenti e delle condizioni di produzione.

Alla convention di Roma sono accorsi un sorprendente numero di allievi, personaggi interessanti di variegata formazione e competenza. Partendo da grammatica e sintassi di base, condite da nozioni di fisica e psicologia del suono, si e’ giunti, nell’arco di tre giorni, a elaborazioni via via piu’ complesse, dall’audio al video; in particolare sono state affrontate le librerie Gem, PDP e Pidip.

L’atmosfera piacevole, il contesto amichevole e la commistione di voglia di imparare e curiosita’ hanno acceso la miccia che ha fatto nascere la nuova comunita’ italiana. Non ci resta che attendere il Bang!.


http://puredata.bugslab.net/

http://puredata.info/

www.binarioetico.org/

www.bugslab.net/

http://feramenta.noblogs.org/

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn