Locus: Esi è un opera d’arte e un esperimento sociale nello stesso tempo, il cui acronimo è sufficientemente significativo, Experimental Social Interface. Locus è sostanzialmente un programma di istant messaging artistico e sociale da downloadare sul proprio computer, in grado di analizzare i messaggi che l’utente può mandare e ricevere per individuare non solo i nostri link diretti con altri utenti della rete ma anche per individuare i possibili link tra le persone, il loro grado di separazione, l’appartenenza a sistemi sociali comuni. Il progetto Locus assurge al ruolo e allo status di opera d’arte in rete nel momento in cui tutti la rete e le interconnessioni che si creano tra questi link sono visualizzabili dal software per mezzo una serie di raffigurazioni digitali astratte e minimali, vettoriali e logotipabili della struttura nodale del Net. Il progetto Locus rimane unico nel suo genere per le potenzialità infinite di visualizzazione grafica della nostra socialità, che cresce o diminuisce, cambia e si trasforma in base alla nostra predisposizione ai contatto in Rete. Il principio sul quale si basa Locus, a detta dei suoi stessi autori, quindi è: noi siamo quello che facciamo e come ci comportiamo.

Locus tecnicamente consente di accedere al network e di utilizzare i normali programmi di instant messaging come Aol, Msn, Icq, Yahoo!; il software sviullapto è stato chiamato Jabber, scritto in Python si è rivelato un ottimo strumento di internet chat protocol che utilizza analisi statistiche Bayesiane per trovare i link tra i messaggi che i nostri amici (o sconosciuti) ci mandano o che noi mandiamo loro. Gli algoritmi Bayesiani infatti sono quelli che stanno alla base dei filtri migliori di junk e-mail. Essi lavorano insegnando fondamentalmente al filtro cosa noi abbiamo selezionato come junk e-mail e cosa per noi non-junk e-mail, in modo tale che il filtro stesso impari a distinguere le due tipologie di mail e ad eliminare quelle non desiderate. Locus:ESI utilizza gli stessi principi per confrontare gli scritti dei messaggi inviati e ricevuti verso chiunque per avere un’idea e capire quali persone hanno interessi comuni e appartengono quindi a una stessa socialità.

.

Locus: Esi è stato sviluppato sulle ceneri di un altro progetto chiamato Alpha-Alpha, una semplice lavagna online che consentiva a diversi utenti di scrivere messaggi ma di visualizzare graficamente nello stesso momento le interconnessioni possibili e dalla seguente release chiamata Conflux, che nel breve termine si rivelò però pesante e difficilmente gestibile. Locus presenta un’interfaccia che è familiare agli utenti dei software di instant messaging e questo ne decreta sicuramente il successo dalla data della sua ultima release circa quindici giorni fa, cercando sempre di percorrere una linea sottile tra usabilità e innovazione. Per il normale messaging, l’interfaccia ricorda quindi i software sopra elencati (forniti di contact list, sessione di messaging e così via…), e lo stesso portale è arricchito di una serie di servizi “classici” come il blog, i link ad altri software di social networking o interfacce grafiche, i feed RSS dalla lista di Syndicate, ma nel momento in cui si sposta la lista di contatti in una zona del software ben precisa, allora, Locus sarà in grado di visualizzare i link tra queste persone, il filo che le unisce, anche visivamente, dimenticandosi e allontanando tutte quelle persone che non hanno link potenziali tra di loro.

.

Questi legami virtuali (e reali spesso) sono quindi visualizzati mediante linee e forze di attrazione tra le persone/avatar, e cliccando sulle chiavi 1-9 è possibile visualizzare altrettante rappresentazioni astratte che, nel loro impianto grafico caro alla netart, riporta in buona sostanza la nostra socialità. Per maggiori chiarimenti sull’utilizzo dell’interfaccia di netart/socialnetwork è possibile scaricare il filmato in cui viene spiegato il funzionamento e in cui vengono riportati alcuni esempi di visualizzazione grafica dei link.


http://locus.e-mu.org/index.php

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn