Deliriouniversale.com, difficile anche affibbiargli l’etichetta di web arte, forse è semplicemente il sito che ognuno di noi vorrebbe poter avere. Nasce a Roma, da un gruppo di persone che ruotano intorno ai tre fedelissimi Nikky, DrDoom e Chiba ma nessuno si puo sentire escluso a priori, anche chi non lo conosce. Deliriouniversale.com ha tutte le caratteristiche necessarie che dovrebbe possedere un sito ideale, la possibilità di agguingere contenuti, di dare informazioni, di far vedere cosa si fa e cosa piace, di offrire servizi, di far nascere contatti, di creare una community, ma soprattutto toglie al concetto sito internet tutto quello che non piace a nessuno fare.

Deliriouniversale infatti non ha bisogno di organizzare i contenuti e soprattutto di riorganizzarli quando nascono idee nuove, non ha bisogno di rifiniture, di definizione di standard, non bisogna ricordarsi che font si deve usare, che colori, che lingua, che dimensione hanno le immagini, che cosa si puo scrivere su un blog e cosa no. L’utente non è escluso dal “vorrei ma non posso” che colpisce noi possessori di siti internet, Deliriouniversale è il sito in cui tutti vorrebbero perdersi se ne avessero il tempo ma questo tempo prima o poi si trova…

Diifficile spiegare cosa contiene Deliriouniversale.com, soprattutto considerando che quello di si parlo in ambito webart e web design è sempre immediatamente visibile da chi naviga semplicemente un sito o un progetto sul web. Entrare in Deliriouniversale.com è come entrare nella vita? Casa? Corpo? Cuore? Blog, progetti, appunti, ospiti, idee ma anche produzioni, ovviamente superflue talmente superflue, che hanno dato vita anche a un vero e proprio progetto, www.superfluo.biz.

.

Tantissimi sono i progetti presenti in questo sito: Curiosity Kill The Cat, Papapoll, Qsushi, Kenzo, Mikki, LoveLab, Bond, Elettrotarokkati, Real Prayer, Otto Mondo, Scontent Manager, Satana, Power Puff Girls, Da dove DGT, Sangre Natale, Ecco i nostri neuroni, Hello Nikki, Ciccio Dj, Bithces Country, Train Spotting, solo per cirne alcuni.

Poi ci sono le cose di Chiba incredibili e geniali alcune volte troppo semplici per essere comprate ma impossibili da essere pensate per le nostre affaticate menti contorte. Come non voler possedere un Merdanello o una Conserva di Chiba per riempire un po i nostri frigo vuoti. Non si può fare a meno di intrecciarsi nella vita di Jemma Temp, dal suo blog si scopre l’anima di DU che alcune volte vorremmo fosse la nostra, altre assolutamente no.

Più difficile scovare DrDoom, ma lui c’è sempre, pigro ma non abbastanza per non sfogare la sua personalità su DU e per dire no alle idee della family. Sì perche è lui che sta nella stanza dei bottoni. Tanti sono i progetti quindi e non tutti vivono di solo web, ma cambia poco. Feste, mostre, vjset, attivismo, workshop, lotta nel fango, supermercati, teatro, discariche, riciclaggio, installazioni…eppure, noi, non vorremmo mai avere un sito cosi.

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn