Musica elettronica sperimentale di alto livello quella proposta dalla compilazione The New Factor, realizzata dalla giovane etichetta svizzera di base a Zurigo, Ish Records. Rarefatta, astratta, onirica, chiamatela come volete. Quello che importa è la raffinatezza di ciò che è stato inciso sui solchi digitali di questo lavoro che, con una giusta dose di semplicità musicale e senza eccessivi astrattismi, propone una sequenza di brani di matrice elettronica downtempo e abstract hip-hop, con influenze jazz e funky, spesso eleganti e coinvolgenti.

Nomi non conosciuti ai più ma assolutamente rappresentativi di un certo circuito di musica elettronica che pone solide basi di quel punto di incontro tra il gusto europeo e le influenze d’oltreoceano: gli americani Dreas e Meaty Ogre (più noti rispettivamente come Heardurms e Galapagos) e lo svizzero Dimlite dei Sonar Kollective si trovano quindi fianco a fianco con i teutonici Lexx e Deckard e gli stessi produtori dell’etichetta Justin Sayne e Reezm.

Ventitre tracce che esplorano senza timori i confini di un genere musicale che negli ultimi tempi ha detto tutto e il contrario di tutto: breaks sporchi e spezzati, ottime intuizioni e frequenti contorsioni musicali pur all’interno di atmosfere e melodie downtempo morbide e rarefatte. Un disco mai banale che nel corso del suo svolgimento si fa apprezzare più per la capacità di esplorazione sonora che per la spesso presunta capacità di affascinare con virtuosismi tecnici o astrattismi di maniera.

The Now Factor è curiosamente diviso in 4 parti che sembrano scandire il passare del tempo musicale, come una raccolta di brani che qualcuno (gli autori) hanno voluto proporci in sequenza cronologica: 6 brani nella prima parte “Before” tra cui vale la pena segnalare i lavori di Dimlite, Fadri e Cutmando, 5 brani nella seconda parte più introspettiva “After” in cui spiccano i brani di Justin Sayne e Dreas, una terza parte di ripresa emotiva “Then” , 6 brani in cui si distaccano le tracce di Lexx e Meaty Ogre e infine la suite conclusiva di altri 6 brani in cui rimangono nella memoria le note di Reezm, il jazz di Cutmando e la bellissima outro di Justin Sayne.

In altre parole un disco coraggioso, una ventata di aria fresca nel mondo della musica breaks, un’etichetta, La Ish Records, da seguire con la speranza che mantenga la giusta rotta di navigazione tra le acque spesso impervie dell’elettronica di oggi.

01. Intro – Lexx
02. In Groups To The Hydrando – Dimlite
03. Kabalaba – Fadri
04. Strudel Chop – Reezm
05. Interlude – Cutmando
06. Changes At Dawn – Lexx
07. Crossing The Bridge – Dreas
08. The Word Now Is A Pleonasm – Justin Sayne
09. Retrograde Changes – Dreas
10. One Horse Town – Reezm
11. Crawling Under – Deckard
12. Koreander – Meaty Ogre
13. Almost Famous – Lexx
14. Interlude – Dimlite
15. Alo – Fadri
16. Je Ne Joue Part I – Meaty Ogre
17. Je Ne Joue Part II – Meaty Ogre
18. The Duke Of Room 660 – Reezm
19. Young Punk – Justin Sayne
20. Granny’s Groove – Cutmando
21. Summer Gangster (Chicago) – Dreas
22. In Da Net – Deckard
23. Outro – Justin Sayne


www.checkmyish.com

www.heardrums.com

www.galapagos4.com

www.sonarkollective.de

www.lexxmusic.com

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn