Scienza

evans2

Cécile B. Evans: Sprung a Leak

Ad Ottobre alla Tate di Liverpool sarà in mostra il nuovo progetto dell'artista Cécile B. Evans. Opera multidimensionale che prende in esame la robotica, l’intelligenza artificiale e le possibilità di collaborazione tra gli uomini e le macchine, analizzando la crescente influenza che le tecnologie hanno sul modo di sentire e agire delle persone.
eaton2

Jessica Eaton: Transmutations

Galerie Antoine Ertaskiran ospita Transmutations, la prima personale dell’artista Jessica Eaton. Nei suoi lavori la Eaton indaga la teoria dei colori e del movimento, la scienza ottica e il sistema visivo umano; essi infatti sono il risultato di una continua sperimentazione visiva che unisce percezione, componenti tecniche e studio dei materiali
fact1

Day of Collisions al FACT

Il 10 Novembre presso il FACT di Liverpool si svolgerà il Day of Collisions. Una giornata intera di attività che esploreranno la relazione tra arte e scienza, unendo in dialogo tra loro ingegneri, fisici e scienziati con gli artisti più sperimentali della scena contemporanea. La giornata sarà ricca di incontri, workshop e dibattiti pubblici.
sebianc7

Robertina Šebjanič: invertendo l’Antropocene

Robertina Šebjanič è un’artista che lavora tra arte, tecnologia e scienza. La sua ricerca è orientata verso i sistemi viventi, la sound art, le installazioni e gli ambienti reattivi interattivi. Quest'anno il suo lavoro Aurelia 1+Hz/proto viva sonification ha ricevuto la Menzione d'Onore per l’Arte Interattiva in occasione del Prix Ars Electronica
pattison3

Yuri Pattison: user, space

Alla Chisenhale Gallery di Londra è in mostra User, space di Yuri Pattison. Ispirandosi all’architettura modernista e alla fantascienza Pattison crea installazioni che riflettono la natura pervasiva delle nuove tecnologie e la loro crescente influenza sul modo e il luogo in cui viviamo e lavoriamo, prospettando un futuro che è già immaginato
space brain laboratory 1

Space Brain Laboratory

Space brain Laboratory nato nel 2009 grazie a Ann Veronica Janssens e Nathalie Ergino, è un progetto che riunisce il pensiero e le esperienze di artisti e ricercatori provenienti dalle scienze fisiche e umanistiche, inglobando i progressi delle neuroscienze e dell’astrofisica assieme alle attuali pratiche di ipnosi e dello sciamanesimo.
tez1

Maurizio Martinucci (TeZ): investigazione creativa tra musica, arte e scienza

Maurizio Martinucci (aka TeZ) è un artista interdisciplinare e ricercatore indipendente italiano, stabilitosi ad Amsterdam. Usa la tecnologia come mezzo attraverso il quale esplorare gli effetti della percezione e la relazione con il suono, la luce e lo spazio. Il suo focus primario sono le composizioni generative con suono spazializzato, per esibizioni dal vivo e installazioni
RIXC1

Conferenza e mostra Open Fields: RIXC Art Science Festival 2016

In occasione del RIXC Art Science Festival di Riga verrà presentata la conferenza e mostra Open Fields. Un evento che ha come fulcro la transdisciplinarità in cui si indaga il ruolo innovativo e il potenziale trasformativo dell’arte in relazione con le scienze, con lo scopo di creare metodologie e approcci in cui ogni categorizzazione è vietata
url

(English) Math is Art: Understanding the Basic Concept of Probability

(English) They say there’s art in everything – which in all likelihood makes everyone artists. Additionally, you could argue – even contradict – this statement by pointing out that having the potential and aspirations to achieve a certain level of craftiness in life doesn’t make anyone a bona fide artist.
collide 1

Collide International Award

Il premio 2016 di Collide International Award è stato assegnato all'artista sudcoreano Yunchul Kim. Collide è una nuova collaborazione tra CERN e FACT che offre ad artisti e scienziati l'opportunità di sperimentare le interconnessioni tra scienza e arte, incoraggiandoli a percorrere vie nuove, non ancora esplorate e soprattutto interdisciplinari.
Maja Smrekar 1

Maja Smrekar. Survival Kit for the Anthropocene – Trailer

Aksioma è lieta di presentare Survival Kit for the Anthropocene di Maja Smrekar. Una riflessione in forma d'arte sul tema dell'estinzione e della supremazia biologica di alcune specie viventi in connessione ad una forte critica sui sistemi economici neoliberali, il tutto colorito con elementi folkloristici, ludici e di arte contemporanea.
Cameron Robbins 1

Cameron Robbins: Field Lines

Al MONA è in mostra Field Lines la prima mostra personale di Cameron Robbins. Attento all'interazione tra la natura e i suoi elementi, attraverso strumenti meccanici di sua stessa invenzione, in Field Lines si assiste allo svelamento dell'invisibile in cui forze naturali, non sempre percepibili, prendono corpo e vivono dentro e fuori dall'opera.
press release 2

Ingenious and Fearless Companions by High Altitude Bioprospecting (HAB)

Fino a Giugno al Birmingham Open Media sarà presente la mostra collettiva del team HAB. Ingenious and Fearless Companions trasporterà lo spettatore nel micro mondo dei batteri e dei microorganismi che viaggiano e resistono nello spazio. Il progetto supportato dalla NASA e dal The Rocket Mavericks avvia un'ulteriore legame tra le arti e la scienza.
baecker5

Order+Noise (Interface I). La personale di Ralf Baecker

Ralf Baecker artista famoso per il suo background in computer science correlato alle tecnologie, presenterà al NOME di Berlino Order+Noise (Interface I) la sua nuova installazione, che esplora i meccanismi in cui gli elementi coinvolti si influenzano a vicenda dando vita a un processo cinetico e meccanico in cui non manca però il fattore culturale.
States of Matter 1

States of Matter

Mai come in questa epoca l'arte e la scienza sono connesse tra loro. L'Arte invade, ricerca e spazia altrove fino a incontrarsi con le Scienze che a loro volta vengono coinvolte nel processo creativo e artistico. E proprio di questa intensa relazione si discuterà tra il 23 e il 26 Giugno presso Spektrum la comunità di arte e scienza di Berlino.
the force behind 1

The Forces behind the Forms. Geology, Matter, Process in Contemporary Art

La natura come fenomeno per indagare il piano sociale e spirituale dell'uomo. Di questo si occupa la mostra The Forces behind the Forms, presente fino a Luglio a Krefeld (Germania). Un dialogo tra geologia e arti contemporanee che oltre esplrare nuovi spazi e modi compositivi, inducono l'uomo a interrogarsi su se stesso.
vorn1

Bill Vorn. Immerso in un mondo di robot, metafore e paradossi

Bill Vorn è un artista e accademico Canadese con sede a Montréal. Ha lavorato alla realizzazione di performance, installazioni interattive, colonne sonore sperimentali, montaggio del suono, creazione di componenti per film, video, e altri progetti artistici di vario tipo. Le sue opere sono state presentate in occasione d’importanti festival ed eventi internazionali di media art
big 1

Big, Open & Beautiful #9. Hack the Body

Qual è il rapporto tra noi e la tecnologia? Tra il nostro corpo e la nostra intimità e le nuove informazioni tecnologiche? Di questo accademici e artisti del settore discuteranno al Big, Open & Beautiful: Hack the Body presente il 23 Marzo ad Amsterdam, per riflettere meglio sull'impatto significativo della tecnologia nella nostra vita, nei nostri corpi.
//