Scienza

bowen1

Rinascita divina. Spacejunk di David Bowen

Davanti a Spacejunk di David Bowen, non si può fare a meno di percepire una forma di pietà religiosa che ha preso forma nello spazio espositivo. I 50 ramoscelli, controllati da servo motori e montati su alti e sottili piedistalli metallici, alzano le braccia come in un atto di supplica, a mano a mano che rifiuti spaziali si sollevano sopra l’orizzonte.
yoldas1

Modellando futuri possibili. Intervista a Pinar Yoldas

Presentando il proprio lavoro nel corso di una conferenza alla School of The Art Institute di Chicago nel 2016, Pinar Yoldas elenca tra i propri campi di ricerca la biologia sintetica, il turbocapitalismo, i big data, le emissioni di CO2, la nano medicina, i cambiamenti climatici, la bio-accumulazione e il post-umanesimo.
totah2

TOTAH presenta Transient

La galleria TOTAH di New York ha da poco inaugurato Transient, una mostra di Helen Pashgian e Brian Wills, artisti del movimento California Light and Space. Pas... READ MORE...
franke1

Ivana Franke: Retreat into Darkenss. Verso una Fenomenologia dell’Inconscio

“La caratteristica distintiva di uno spirito puro è la capacità di vedere, non di conoscere”, come scriveva il poeta e fisico Justinus Kerner. Ivana Franke, artista con sede a Berlino, mette in discussione queste parole con il suo progetto Retreat into Darkness. Towards a Phenomenology of the Unknown (Rifugio nell’oscurità. Verso una Fenomenologia dell’Inconscio). Ci limitiamo a vedere ciò che conosciamo? Cos’è che riesce a smuoverci dal nostro comfort mettendo alla prova il nostro sguardo sul mondo?
collide1

hrm199 è il vincitore del COLLIDE International Award 2017 promosso da FACT e Arts@CERN

(English) FACT (Foundation for Art and Creative Technology) in Liverpool and Arts at CERN, the arts and science programme of the European Organization for Nuclear Research (CERN), are delighted to announce the studio platform hrm199, led by artist Haroon Mirza, as the winner of COLLIDE International Award 2017. COLLIDE is a major international artist residency programme created to challenge and transform the way art and science encounters are understood.
brightondigital

British Science Festival & Brighton Digital Festival: Open Call | Deadline 24/04/2017

Il British Science Festival e il Brighton Digital Festival hanno avviato una co-commissione per nuovi lavori di arte digitale che saranno presentati negli spazzi della galleria per l'Università di Brighton. L'interesse è soprattutto per quei lavori che esplorano e rispondono ai temi affrontati: gli orizzonti in evoluzione degli ambienti fisici e virtuali, la possibilità per la tecnologia di re-immaginare, re-inventare e re-interpretare lo spazio, nonchè le nuove opportunità per facilitare la collaborazione e connettere cose, luoghi e persone.
feat3

Future emerging Art and Technology

Dal titolo "Future emerging Art and Technology", la mostra presenterà una serie di opere sviluppate durante la collaborazione tra sei artisti e scienziati di fama internazionale. Gli artisti sono stati selezionati nel corso di un processo di selezione nel Marzo 2016, e quindi accoppiati a gruppi di ricerca scientifica che lavorano sui progetti open di ricerca scientifica nell'ambito della European Union FET (Future Emerging Technologies); ad esempio, l'esplorazione della regolazione genetica, la fisica quantistica, i robot sottomarini, il carbon capture, la supercomputazione.
terra0_feature-001

Terra0, la foresta aumentata indipendente

Terra0 è un progetto che è stato recentemente discusso al festival Transmediale di Berlino durante il simposio Becoming Earth: Engineering Symbiotic Futures. Il progetto, nelle sue prime fasi di sviluppo, mira alla creazione di una foresta aumentata ed indipendente - vale a dire proprietaria di se stessa - attraverso la tecnologia blockchain e gli smart contract.
genecraft_feature-image

Genecraft: Art in the Biogenetic Age

Birmingham Open Media ha appena lanciato Genecraft: Art in the Biogenetic Age, mettendo in mostra le collaborazioni tra artisti e scienziati, evidenziando quella ricerca genetica all'avanguardia che ha luogo a Birmingham.
materal_feature-image

Center for Art Science & Technology (CAST) presents: Being Material

BEING MATERIAL sarà presentato al MIT il 21-22 aprile 2017 e porterà con sé grandi artisti, scienziati, ingegneri e ricercatori di tutto il mondo per indagare sul futuro dei materiali programmabili, delle stampe in 3D e 4D, della biologia sintetica e delle tecnologie indossabili.
proceed

Kirsten Stolle: Proceed at Your Own Risk

NOME è lieta di presentare la prima personale in Europa di Kristen Stolle, "Proceed at Your Own Risk". Kristen Stolle indaga sull’influenza globale delle aziende chimiche sulle nostre risorse alimentari ed esplora il legame tra gli interessi delle imprese e la salute pubblica.
strp1

2017 STRP Biennale: Senses and Sensors

STRP Biënnale 2017: Senses and Sensors esplora il tocco dell’alta tecnologia contemporanea. Si concentra sull’amalgama crescente del biologico col tecnologico, fisico e virtuale, analogico e digitale, tocco e tecnologia, uomo e macchina, il tutto da una prospettiva culturale
prixars2017

Prix Ars Electronica e STARTS Prize 2017 | Deadline: 03 / 03 / 2017

Il Prix Ars Electronica è la più longeva competizione mondiale nel campo della media art. I vincitori sono premiati con l'ambita statuetta, il Golden Nica, nonchè con un premio in denaro di 10.000 Euro per categoria, e l'opportunità di venire esposti al Festival Ars Electronica di Linz. Per incarico inoltre della Commissione Europea, Ars Electronia ha attivato una open call per la compezione STARTS, a cui possono partecipare progetti innovativi al confine tra scienza, tecnologia e arte.
lamarche1

Laurent Lamarche: Atlab

Nel contesto del Leipzig’s Spinnerei Winter Gallery Tour, la galleria Art Mûr è lieta di aprire la sua programmazione del 2017 con la prima mostra personale di Laurent Lamarche in Europa. Nell'ultimo decennio, l'artista di Montreal ha indagato sulle idee e sulle immagini che mettono in discussione il nostro rapporto tra la natura e le moderne tecnologie. La sua opera comprende fotografia, scultura e installazioni ed esplora i confini permeabili tra natura e artificio.
dark2

Dark Society: l’oscurità nella Scienza, nel Corpo,+, nella Tecnologia e nell’Ambiente

La costruzione mediatica della Realtà è qualcosa che non è facilmente comprensibile, nonostante la percezione tecnologica di ciò che ormai si percepisce, si misura e si conosce. La verità di un modello, l’efficienza di un sistema, il nostro vivere insieme includono alcuni aspetti nascosti che, per definizione, stanno creando un’ombra oscura che sta sottilmente influenzando e influendo sul nostro mondo visibile. L’open call "Dark Society" si pone domande sui processi di costruzione di opere mediali che favoriscono le relazioni tra questi “lati nascosti”, guardando ai loro effetti e alle possibili estreme conseguenze .
bod1

Bio Art & Design Award 2016 winners: Liquid and Life in Motion

Una danza di umani e virus sulle note dell’evoluzione, un ago magnetico in ferro ricavato dal tessuto placentare e materiali stampati in 3D che traggono ispirazione dallo sviluppo degli organi umani: sono i progetti proclamati a maggio di quest’anno vincitori del Bio Art & Design Award 2016, una competizione per giovani artisti e designer.
//