News

tambellini_feature-image

Aldo Tambellini: Black Matters

“Black Matters” è la prima mostra personale di Aldo Tambellini, artista italoamericano tra i pionieri dell’intermedialità e dell’avanguardia sperimentale degli anni Sessanta e Settanta. L'esibizione compie un viaggio nel ventennio compreso tra 1960 e 1920, il periodo più fertile, pregno e diversificato dell'artista.
howmuch_feature-image

How much of this is fiction.

How much of this is fiction., la prossima mostra del FACT a Liverpool, presenta una serie di artisti che si fingono truffatori e utilizzano in modo diretto sotterfugi, inganni, truffe e reati. Questi media artist che si occupano di aspetti politici, utilizzano il raggiro e l’inganno per sfruttare il confine instabile che esiste tra finzione e realtà nel mondo della politica 'post-verità'.
nsk_header

NSK State Art: New York, The Impossible Return

Lo scopo delle opere esposte alla mostra “NSK State Art: New York, The Impossible Return” consiste nel creare meccanismi di scambio e formare relazioni umane che nel tempo vanno oltre i confini. Attraverso le loro opere, i nove artisti presenti hanno negoziato confini e attraversato nazioni, espanso concetti della mente, della memoria e della storia.
marchlands_feature-image

On the Far Side of the Marchlands

“Marchland” è un termine medievale e fa riferimento ad una terra di confine esente dal controllo diretto dello Stato, governata da leggi e norme in continuo cambiamento. L'esposizione On the Far Side of the Marchlands esplora il potenziale di topografie radicalmente nuove attraverso regioni di confine (marchlands) create dall'artista, composte da regni d'esperienza, cultura e materialità inestricabilmente uniti tra loro.
proceed

Kirsten Stolle: Proceed at Your Own Risk

NOME è lieta di presentare la prima personale in Europa di Kristen Stolle, "Proceed at Your Own Risk". Kristen Stolle indaga sull’influenza globale delle aziende chimiche sulle nostre risorse alimentari ed esplora il legame tra gli interessi delle imprese e la salute pubblica.
Sonic Acts Festival Amsterdam

Sonic Acts Festival – The Noise of Being

La 17esima edizione del Sonic Acts intitolata The Noise of Being, si terrà dal 23 al 26 febbraio presso diverse location di Amsterdam. Il festival include una conferenza, diverse mostre, concerti, performances e proiezioni, mettendo in risalto un’ampia gamma di pratiche contemporanee.
immagine_head

Blacklist #1: La militarizzazione della Polizia

Blacklist è una serie di documentari pubblici, proiezioni cinematografiche accompagnate da sessioni di dibattito raggruppate per tema sulle sfide significative che la società e l’ambiente devono affrontare al giorno d’oggi. I temi includono la Militarizzazione della Polizia, i Sistemi Automatici e l’Intelligenza Artificiale, la Sorveglianza di Massa, il fascismo del XXI secolo, i Consumi Eccessivi, la sesta Estinzione di Massa, la Sicurezza Alimentare e il Cambiamento Climatico.
strp1

2017 STRP Biennale: Senses and Sensors

STRP Biënnale 2017: Senses and Sensors esplora il tocco dell’alta tecnologia contemporanea. Si concentra sull’amalgama crescente del biologico col tecnologico, fisico e virtuale, analogico e digitale, tocco e tecnologia, uomo e macchina, il tutto da una prospettiva culturale
unframedword2

The Unframed World: la Realtà Virtuale come mezzo artistico per il XXI Secolo

The Unframed World è la prima rappresentazione completa presso HeK (House of Electronic Arts Basel) della Realtà Virtuale come potenziale mezzo artistico. La mostra collettiva presenta approcci artistici diversi a quello strumento che sta avendo un impatto in ogni campo della vita umana, da quando nel 2016 le tecnologie di massa VR vennero lanciate
intersectional3

The Intersectional Self – The Shelley & Donald Rubin Foundation

The Shelley & Donald Rubin Foundation è lieta di annunciare The Intersectional Self, una mostra sulle politiche di genere e femministe nell’era della “trans-identity”. Con opere di Janine Antoni, Andrea Bowers, Patty Chang, Abigail DeVille, Ana Mendieta, Catherine Opie, Adrian Piper, Genesis Breyer P-Orridge, Cindy Sherman, e Martha Wilson.
artefiera

Un lavoro nell’arte si può: ci vuole fantasia e perseveranza

Se c’è un aspetto che in Italia trova la sua massima espressione è proprio l’arte: parliamo di un settore che vanta nel nostro Paese una moltitudine di fiere e di artisti pronti a dare il loro contributo alla nostra cultura, ed elevare a grandi livelli l’appetibilità del marchio made in Italy. Soprattutto se parliamo di città come Bologna, da sempre uno dei principali epicentri dei linguaggi artistici che animano il nostro Paese
ctm3

CTM 2017: Fear Anger Love

CTM 2017 FEAR ANGER LOVE esamina il potenziale di emancipazione e di emozione risonante (musicale) in grado di mettere in discussione e sfidare lo status quo. In questa diciottesima edizione, CTM si ripropone l’obiettivo di lasciare spazio a emozioni dissonanti e forme di espressioni musicali radicali, attraverso 10 giorni di progetti speciali, lavori su commissione e performance che vanno da esplorazioni di noise music a suoni di musica club contemporanea.
tesseract2

Charles Atlas, Rashaun Mitchell, Silas Riener: Tesseract

Nato da una ricerca e un processo di sviluppo durato molti anni, l’artista Charles Atlas e i coreografi Rashaun Mitchell e Sila Riener presenteranno in anteprima Tesseract al Curtis R. Priem Experimental Media and Performing Arts Center (EMPAC) presso il Rensselaer Polytechnic Institute, il loro nuovopettacolo di danza dal vivo e video 3D in due parti.
lamarche1

Laurent Lamarche: Atlab

Nel contesto del Leipzig’s Spinnerei Winter Gallery Tour, la galleria Art Mûr è lieta di aprire la sua programmazione del 2017 con la prima mostra personale di Laurent Lamarche in Europa. Nell'ultimo decennio, l'artista di Montreal ha indagato sulle idee e sulle immagini che mettono in discussione il nostro rapporto tra la natura e le moderne tecnologie. La sua opera comprende fotografia, scultura e installazioni ed esplora i confini permeabili tra natura e artificio.
howmuch2

How much of this is fiction

In mostra al FACT (Foundation for Art and Creative Technology), la mostra How much of this is fiction si concentra sulla media art ispirata alla politica che utilizza l’inganno in tutte le sue forme. Al centro vi è il desiderio di affrontare una delle questioni politiche più urgenti di oggi: il cambiamento radicale nel confine tra finzione e realtà nel discorso pubblico, in un mondo governato sempre di più dalla politica della "post-verità".
//