Issue 55

DigiMag Issue 55

numero55_When Archives Becomes Art 01

Quando L’archivio Diventa Arte. Megaloop: I Trent’anni Del Tam

Il Tam Teatromusica, storica compagnia teatrale e video-teatrale italiana taglia l'ambito traguardo dei trent'anni di attivitˆ artistica e lo celebra con una mostra antologica davvero memorabile. A Padova. Era il 1980 quando Michele Sambin, Pierangela Allegro e Laurent Dupont unendo le rispettive professionalitˆ nel campo delle arti performative, della musica e della videoarte sperimentale, danno vita alla compagnia con sede a Padova.
numero55_Radiography of the Matter 01

Radiografia Della Materia. Herman Kolgen E La Percezione Del Suono

Tra le figure pi interessanti del panorama artistico contemporaneo, Herman Kolgen vive a Montréal (Québec, Canada). Scultore audiocinetico, lavora a partire dalla relazione tra il suono e l'immagine creando, dalla loro convergenza, opere presentate sottoforma di installazioni, performance, sculture sonore, opere video e cinematografiche - ricordiamo qui a titolo di esempio Silent room (2005), film, installazione e live performance realizzato in collaborazione con la videoartista e fotografa Dominique [t] Skoltz con la quale ha fondato nel 1996 la cellula pluridisciplinare Skoltz_Kolgen (di cui Digimag si  occupato pi volte in passato).
numero55_Chora Platonica 01

Chora Platonica E Matrice Numerica

Lo spazio riveste un ruolo significativo nella cosmologia, lo si pu˜ riscontrare anche nel Timaeus di Platone. Accanto a Modelli/Ideali e loro imitazioni, il filosofo greco parla di Χώρα (Chôra) ovvero di un 'ricettacolo invisibile e senza formadell'intero divenire' dove le Forme sono materializzate, secondo una dimensione che le avvicina allo spazio (1). Nonostante le difficoltˆ ermeneutiche che sorgono nel definirla pienamente, Chora ha posto le basi del concetto di spazialitˆ, luogo, collocazione, poiché l'influenza della cosmologia platonica  evidente anche nella scienza contemporanea.
numero55_Vjing for light and colors 01

Vjing Per Luci E Colori. Lo Sketch Projector Di Shantell Martin

Shantell Martin  un' illustratrice e una Vj inglese che ha fuso tecnologia di ultima generazione e media tradizionali in un nuovo stile unico attraverso cui crea performance coinvolgenti basate sull'uso dei suoi disegni. Riconosciuta a livello mondiale per le sue performance video, in cui disegna dal vivo su spazi e persone usando luce, colore e pennarelli, nel suo progetto Sketch Projector, Shantell sfrutta il pubblico stesso come fonte d'ispirazione.
numero55_Sonarcinema 01

Sonarcinema 2010. Music For Eyes And Brains

Una delle esperienze piu' interessanti del Sonar Festival, la cui edizione 2010  in programma a Barcellona il prossimo 17-19 Giugno, in particolare per noi che arriviamo dal paese della TV tendenzialmente generalista, qualunquista e volgare, e' la possibilita' che il festival offre di scoprire video e documentari musicali.
numero55_Verbo 01

Verbo: Tra Graffiti E Digitale. Plotterflux, Videoincursioni E Mapping

In principio era la bomboletta, la bomboletta era il writing. Ma poi venne la luce. Niente di pi facile che creare un gioco di parole quando i soggetti dell'operazione ludico-linguistica sono: il writing (alla lettera: scrittura) e un writer di nome Verbo (aka Mitja Bombardieri).
numero55_Lookat Festival 01

Lookat Festival. Tra Interattivita’ E Contemplazione

Che la cultura e l'arte contemporanea siano ormai in grado di comunicare a un pubblico che eccede la nicchia di addetti ai lavori  sempre pi evidente. Che in questo i nuovi media rappresentino un grande facilitatore  difficile da ignorare. Infine, che i vernissage di mostre, eventi, festival tematici siano sempre pi frequentati  un dato di fatto. Ma quando questo accade nei piccoli centri, spesso accusati di non essere in grado di assorbire proposte e pratiche dell'arte elettronica e digitale, significa che la 'coda lunga' ha ormai generato un effetto benefico impossibile da ignorare.
numero55_Scienze and Mind 01

Science And Mind. L’interaction Design Di Mikael Metthey

All'interno di un panorama di pratica artistica critica, generalmente imperniata su ormai piuttosto consolidati meccanismi di espressione basati su sovversione, distruzione delle regole, esposizione cruda e diretta dell'attacco violento allo status quo sia artistico che sociale, l'interaction designer Mikael Metthey, ventisettenne di origini Francesi, struttura il proprio discorso critico percorrendo perifrasi pi ampie.
numero55_Nuene Musik in Milan 01

Nueue Musik A Milano. La Memoria Dello Studio Di Fonologia Rai

A distanza di pi di cinquant'anni dalla nascita della musica su nastro magnetico analogico, lo scorso 17 settembre 2008, presso il Museo degli Strumenti Musicali del Castello Sforzesco di Milano,  stato inaugurato lo spazio dedicato allo Studio di Fonologia Musicale della Rai, 'strumento musicale del XX secolo, estensione del pensiero umano'. Un evento reso possibile grazie al Festival Internazionale della Musica MITO, in collaborazione con il Civico Museo degli Strumenti Musicali, il Centro di Produzione TV e Direzione Radio RAI.
numero55_Deep Ambiguity 01

Deep Ambiguity. Conversazione Con Ben Houge

Ben Houge  compositore e audio designer e anche se ha studiato composizione si  occupato soprattutto di progettazione del suono per i videogame, per lo meno per cinque anni della sua vita a servizio della mega corporate Ubisoft in Francia (senza dimenticare le collaborazioni con Gearbox Software, Troika Games, Massive Entertainment, Escape Factory, Relic Entertainment e ArenaNet; a Shanghai, tuttavia,  conosciuto come uno dei pochi outsider che ha realmente compreso l'arte locale e le culture musicali.
numero55_Athanasius Kircher 01

Athanasius Kircher. L’arca Musarithmica E Vari Congegni Sonori

Studiando le possibili origini ed i fondamenti teorici della Scultura Sonora e della Sound Art ci si trova spesso a confronto con l'opera del gesuita Athanasius Kircher, figura estremamente affascinante e di riferimento per il lavoro di molti artisti. In questo ambito cercheremo di avvicinarci alla sua poetica e di capire quali siano gli aspetti della sua ricerca che possono averli maggiormente influenzati.
numero55_Fair Trade Social 01

I Social Network Equosolidali. Solidarieta’ Come Elemento Chiave

Riscoperta di conoscenze dimenticate, condivisione e approfondimento dei propri hobby, nuove amicizie e relazioni, esibizionismo, passatempo, ecc. La lista degli utilizzi privati dei social network, come del resto i social network stessi,  in costante ampliamento. Diversi i casi in cui i profili siano attribuibili ad attivitˆ collettive o professionali per le quali valgono principalmente le funzioni di promozione, occupazione e amplificazione della propria immagine sul web, oppure fidelizzazione e personalizzazione del rapporto con i propri clienti
numero55_The Imal Centre 01

Il Centro Imal. Cultura E Tecnologia Nel Cuore D’europa

IMAL é un'associazione creata nel 1999. Dal 2007 l'IMAL (Interactive Media Art Laboratory) ha inaugurato il suo nuovo Centro per le culture e le tecnologie digitali; uno spazio di 600 mq situato in un ex-capannone industriale nel pieno centro di Bruxelles, ora luogo d'incontro tra sperimentazioni artistiche, scientifiche e industriali. Uno spazio insomma, dedicato alla ricerca e alle pratiche culturali digitali e dei nuovi media.
//