Issue 17

DigiMag Issue 17

ia_beabonfanti01

Arthur Clay, Artista O Scienziato?

Nato a New York, Arthur Clay vive a Basilea in Svizzera. é un artista poliedrico che utilizza musica, video e performance creando opere originali anche per la danza e il teatro, attraverso assemblaggi self-made con media acustici ed elettronici
netart_mk01

Beatpick, A Tomorrow Netlabel

BeatPick, giovane netlabel londinese che vanta nel suo ricchissimo rooster di artisti, musicisti come Tobor Experiment, Groove Generator, FRD, Double6, Synthead e molti altri che hanno avuto modo di farsi conoscere e apprezzare all'interno di quel vitalissimo mondo della musica indipendente che circola liberamente in Rete, fatto di mailing list e podcast, netlabel e progetti audio condivisi
ia_elenaravera02

Brian Eno: 77 Million Question Marks

Il festival Milanesiana, alla sua settima edizione, si  aperto alla Triennale con 77 Million Paintings un'installazione audiovisiva targata Brian Eno e presentata come 'eccezionale evento artistico/visivo'. Di eccezionale, in realtˆ, stato solo l'imponente dispiego di mezzi messo a disposizione dall'organizzazione
netart_lauracolini01

Privacy, Sorveglianza E Reti Invisibili

Privacy e' un termine assorbito dal quotidiano che il cittadino medio incontra su migliaia di disclaimer via web o su piccole note a pi pagina di formulari dalle banche, al supermercato sottocasa.
design_miriampetruzelli02

Tracce Di Identita’ E Memoria Del Presente

Bunker Art Division con la consulenza scientifica di NOT gallery ha presentato sul finire dello scorso giugno a Napoli un lavoro inedito di Ruben Coen Cagli e IABO, due artisti decisamente distanti con due progetti apparentemente inconciliabili, nati da una riflessione attenta sull'insicurezza che pervade l'esistenza dell'uomo di oggi
hackart_mariamolinari02

Il Pirat Partiet Al Riksdag

Una serie di sigle stanno minacciando il nostro futuro. Sembrerebbero suoni senza senso e invece sono leggi e direttive dal contenuto assai discutibile A detta di chi le ha volute e ideate, servono a regolare i comportamenti nella fruizione delle informazioni attraverso i mezzi elettronici, ad armonizzare alcuni aspetti del diritto d'autore nella societˆ dell'informazione, a tutelarci e a garantirci nell'era del digitale
design_simonabrusa04

Zero One: Immersione Nell’avanguardia Digitale

San Jose, la capitale della Silicon Valley,  stata quest'anno la sede del Simposio Internazionale delle Arti Elettroniche. La manifestazione ha dato vita ad un nuovo interessante Festival biennale, ZeroOne, che quest'anno ha accolto a San Jose il lavoro di pi di 200 artisti digitali provenienti da 24 nazioni
softwareart_valentinatanni01

Dragulescu, L’achitettura Dello Spam

A un primo sguardo possono sembrare le sperimentazioni di un giovane architetto visionario, formatosi alla scuola del modernismo internazionale ma chiaramente influenzato dall'estetica dei software di modellazione tridimensionale, oltre che dagli scenari cupi e minacciosi dei videogiochi contemporanei. E invece le creature architettoniche di Alex Dragulescu, artista rumeno residente negli States, sono state generate da un programma sulla base di un input singolare: le mail spazzatura
performing_massimoschiavoni01

Ooff.ouro, Sistema Trilite

Alessandro Carboni e Danilo Castiˆ sono giovani artisti ma giˆ ben inseriti e conosciuti nella 'nicchia' del teatro contemporaneo, quello di ricerca e di prestigio, quel teatro pi instabile che mai, pi ridondante e affascinante che mai, espressivo e profondo per fisiologia, creativo ed estetico per necessitˆ. Loro sono gli OOFF.OURO parola nata dalla contrazione della parola Officina Ouroboros, gruppo di punta della nuova generazione performativa
videoart_monicaponzini02

Time Frame E Il Tempo Manipolato

Il tempo  elastico perch dilatato dalla passione, scriveva Marcel Proust. Ed  proprio la soggettiva duttilitˆ del tempo, la metamorfosi del preciso e del misurabile in qualcosa di vago e indefinibile, al centro delle opere delle opere di Time Frame, semiseria esposizione al P.S.1 COnteporary Art Center di New York sui limiti della percezione umana
article placeholder

Velvet Factory, Nuovo Spazio Multimediale

L'appuntamento  sulle colline di Rimini sabato 23 settembre alle 19 per l'inaugurazione di Velvet Factory uno spazio per suono, immagine, performing arts, multimedia. La giornata sarˆ un non-stop di performance, eventi, proiezioni con la partecipazione del genius loci del territorio di Rimini
elettronica_mk02

Dave Clarke, Superstar Dj…

Clarke al di lˆ di tutto  considerato uno dei migliri dj electro e techno del pianeta, capace di divertire con djset vari ed eclettici e ricchi di quelle influenze breakbeat che fanno spesso la differenza rispetto a dj set mono-toni e alla lunga piuttosto statici.
American Appareal In Second Life

American Appareal In Second Life

American Apparel  un brand di abbigliamento di Los Angeles che produce 210.000 t.shirt al giorno, ha 80 punti vendita nel mondo e uno in Second Life. é il primo marchio di moda del mondo reale a entrare nel mondo virtuale, con un negozio inaugurato nel giugno 2006, e costituisce un esempio fortemente sperimentale di marketing a cavallo tra reale e virtuale
elettronica_lucabergero03

The Garden, Suoni Per La Memoria

Lo scorso 15 luglio, presso l'ex fabbrica di colore Ciri˜,  stato presentato The Garden, installazione di Valerio Tricoli e John Duncan presso l'ecomuseo IPCA. Il lavoro presentato  parte del progetto Eco e Narciso. Cultura Materiale/Musica a cura di Daniela Cascella e Rebecca De March
audiovideo_bertramniessen01

Ryoichi Kurokawa, Prospettiva E Natura

Ryoichi Kurokawa  un giovane artista audiovisivo di Osaka. Attraverso clip, album, installazioni e performances declina universi sinestesici vibranti e raffinati, nei quali il minimalismo glitch si scompone e si ri-assembla in strutture pi complesse e vertiginose
audiovideo_claudiadalonso06

Historia Vjing: Annet Dekker

La studiosa olandese Annett Dekker rappresenta un'eccezione alla consueta miopia teorica. La Dekker fa parte dello staff del Montevideo e negli ultimi anni ha pubblicato numerosi articoli sul vjing che si contraddistinguono per l'intento evidente di costruire una storia del movimento, tessendo allo stesso tempo una rete di collegamenti tra le sperimentazioni nel campo video e gli ambienti underground degli anni 80' e 90', l'estetica imposta da MTV e la scena club
audiovideo_elenavairani01

Full Stealth, Director Vjing

Nate Taylor aka Full Stealth ha 30 anni e vive a New York. é un personaggio eclettico, lavora da oltre 11 anni nell'industria cinematografica e da qualche tempo ha fondato la Full Stealth Films, la sua casa di produzione. é molto conosciuto come regista ma anche come vj
//