Design

minecraft6

Costruisci il tuo mondo: Minecraft e l’architettura Open Source

Progettare il proprio mondo, sia esso reale o digitale, significa ampliare il proprio senso di capacità di intervento. Nel caso di Minecraft ci troviamo di fronte ad un’opportunità per gli architetti, di rivolgersi alla crisi dell’edilizia abitativa. Un’etica simile dal punto di vista dell’open-source, del DIY e della collaboratività si può ritrovare nei progetti architettonici di Teddy Cruz, Alejandro Aravena e il Wikihouse Project, sistemi di fabbricazione per profani dell’architettura per progettare e costruire la propria casa
pater1

Nascondere e rivelare: Intervista a Ruben Pater

Ruben Pater è designer e ricercatore. Ha completato un Master al Sandberg Institute nel 2012, e come Untold Stories lavora su progetti indipendenti e collaborativi a cavallo tra giornalismo e graphic design. Il suo lavoro è stato premiato a livello internazionale varie volte ed è apparso in tante mostre in giro per il mondo
ogawa3

Techno-animismo, poesie visuali e ironia

Artista, ricercatore presso l’Ars Electronica e fondatore del progetto h.o, Hideaki Ogawa pone al centro del suo lavoro la creatività applicata, ossia la ricerca di applicazioni innovative attraverso combinazioni di arte e tecnologia che rispondono ai bisogni sociali. Facendo interagire le radici del mondo giapponese con l'avvento dei new media.
bod1

Bio Art & Design Award 2016 winners: Liquid and Life in Motion

Una danza di umani e virus sulle note dell’evoluzione, un ago magnetico in ferro ricavato dal tessuto placentare e materiali stampati in 3D che traggono ispirazione dallo sviluppo degli organi umani: sono i progetti proclamati a maggio di quest’anno vincitori del Bio Art & Design Award 2016, una competizione per giovani artisti e designer.
4dprint1

Computational fashion e stampa 4D. Il lato glamour del fabbing e della biologia sintetica

La diffusione degli strumenti per la prototipazione rapida attraverso la stampa 3D e l'evoluzione dei software per la modellazione digitale verso metodi parametrici ha un suscitato un grande interesse da parte del mondo della moda. I designer hanno dato vita a numerose sperimentazioni a diversi livelli di scala: dai tessuti dalle texture tridimensionali ad abiti e accessori progettati per essere realizzati durante un unico processo di stampa e senza la necessità di successive lavorazioni
plastique10

Marco Barotti: ascoltando le diverse espressioni del suono

Artista e performer contemporaneo Marco Barotti è entrato a far parte della scena artistica internazionale grazie alle sue collaborazioni con Plastique Fantastique e Asphalt Piloten. I suoi lavori sono opere ibride che coinvolgono architettura, design, suono e tecnologie e che interagiscono con lo spazio e lo spettatore, creando un'esperienza totale dei sensi
waag3

Data Aesthetics – L’Arte Interattiva

Oggi, dati e informazioni scorrono e riempiono ogni spazio sia fisico che virtuale. Come gestiamo tutto ciò? Come possiamo visualizzare i megadati e rendere tale processo più concreto? La mostra Data Aesthetics – The Interactive Arts cercherà di rispondere a questi quesiti grazie all'intervento di artisti e attivisti attenti a questo tipo di tema
woolard1

Arte, attivismo e produzione con Caroline Woolard

Caroline Woolard, co-fondatrice delle reti di condivisione Ourgoods e TradeSchool, produce arte e infrastrutture per l'economia solidale. È una produttrice culturale il cui lavoro interdisciplinare facilita l'intersezione tra arte, urbanistica ed economia politica, cercando inoltre di promuovere la collaborazione tra gli artisti e le comunità
fuse2

Codex Anima Mundi. fuse* e gli algoritmi meravigliosi

In un grande casale bianco, luminoso, immerso nella quiete della campagna modenese, ha trovato dimora e sta crescendo rigogliosamente una delle realtà più sorprendenti nel panorama delle arti Digitali italiane: fuse*, uno studio multidisciplinare fondato nel 2007 da Mattia Carretti e Luca Camellini.
humanfactor1

Human Factor: Endless Prototyping

Human Factor - Endless Prototyping è la quinta mostra di Ars Electronica Linz presentata dal DRIVE Volkswagen Group Forum di Berlino. In mostra opere che si focalizzano sulle principali sfide legate all’era digitale e, costruendo interessanti alternative artificiali, riflettono sulla presenza umana in un ambiente sempre più ingegnerizzato
biodesign1

Design Digital Relations. Nuovi scenari progettuali di interazione digitale

La rivoluzione digitale già in atto da diversi anni sta stravolgendo profondamente le regole della comunicazione e questo cambiamento trascina con se una profonda alterazione delle relazioni che governano il tessuto sociale. L'avvento dei new media, in particolare, sta comportando diversi mutamenti nella gestione della vita collettiva e nelle relazioni tra gli individui
Frank Gehry 1.jpeg def

Frank Gehry. Building in Paris

Frank Gehry, uno tra i maggiori esponenti della corrente Decostruttivista, ha inaugurato, il 27 Maggio a Venezia presso la Fondazione Louis Vuitton, Building in Paris. Un evento architettonico unico nel suo genere in cui sono esibiti i modelli degli studi, delle progettazioni e le idee dell'artista all'interno di uno scenario quasi surreale.
Roberto Burle 1

Roberto Burle Marx: Brazilian Modernist

Al Jewish Museum di New York è in corso la mostra in onore di Roberto Burle Marx, il famoso ed estroverso architetto e botanico che ha segnato il XX secolo nei modi di ridefinizione e costruzione dei paesaggi. Esposte, oltre le opere dell'artista, anche i lavori di artisti internazionali che in Burle Marx hanno trovato un maestro ispiratore.
ArchaeologyoftheDigital1

Archaeology of the Digital: Complexity and Convention

Archaeology of the Digital: Complexity and Convention è una mostra che indaga il fenomeno dell'integrazione dei metodi digitali all'interno della pratica architettonica. La conservazione degli archivi digitali, le strategie di design e l'impatto del digitale saranno alcuni dei temi affrontati nella mostra presso il Canadian Centre for Architecture
Liam Gillick 1

Liam Gillick: Campaign

Per la prima volta in Portogallo verrà esposto Liam Gillick con il suo ultimo progetto Campaign. Vere e proprie coreografie spaziali in cui al loro interno sono postulati i concetti di tempo, durata e visione sociale. Nuove sculture che interrogano e giocano con l'osservatore, per creare spazi fisici alternativi atti a stimolare la riflessione.
//