Design

fuse2

Codex Anima Mundi. fuse* e gli algoritmi meravigliosi

In un grande casale bianco, luminoso, immerso nella quiete della campagna modenese, ha trovato dimora e sta crescendo rigogliosamente una delle realtà più sorprendenti nel panorama delle arti Digitali italiane: fuse*, uno studio multidisciplinare fondato nel 2007 da Mattia Carretti e Luca Camellini.
humanfactor1

Human Factor: Endless Prototyping

Human Factor - Endless Prototyping è la quinta mostra di Ars Electronica Linz presentata dal DRIVE Volkswagen Group Forum di Berlino. In mostra opere che si focalizzano sulle principali sfide legate all’era digitale e, costruendo interessanti alternative artificiali, riflettono sulla presenza umana in un ambiente sempre più ingegnerizzato
biodesign1

Design Digital Relations. Nuovi scenari progettuali di interazione digitale

La rivoluzione digitale già in atto da diversi anni sta stravolgendo profondamente le regole della comunicazione e questo cambiamento trascina con se una profonda alterazione delle relazioni che governano il tessuto sociale. L'avvento dei new media, in particolare, sta comportando diversi mutamenti nella gestione della vita collettiva e nelle relazioni tra gli individui
Frank Gehry 1.jpeg def

Frank Gehry. Building in Paris

Frank Gehry, uno tra i maggiori esponenti della corrente Decostruttivista, ha inaugurato, il 27 Maggio a Venezia presso la Fondazione Louis Vuitton, Building in Paris. Un evento architettonico unico nel suo genere in cui sono esibiti i modelli degli studi, delle progettazioni e le idee dell'artista all'interno di uno scenario quasi surreale.
Roberto Burle 1

Roberto Burle Marx: Brazilian Modernist

Al Jewish Museum di New York è in corso la mostra in onore di Roberto Burle Marx, il famoso ed estroverso architetto e botanico che ha segnato il XX secolo nei modi di ridefinizione e costruzione dei paesaggi. Esposte, oltre le opere dell'artista, anche i lavori di artisti internazionali che in Burle Marx hanno trovato un maestro ispiratore.
ArchaeologyoftheDigital1

Archaeology of the Digital: Complexity and Convention

Archaeology of the Digital: Complexity and Convention è una mostra che indaga il fenomeno dell'integrazione dei metodi digitali all'interno della pratica architettonica. La conservazione degli archivi digitali, le strategie di design e l'impatto del digitale saranno alcuni dei temi affrontati nella mostra presso il Canadian Centre for Architecture
Liam Gillick 1

Liam Gillick: Campaign

Per la prima volta in Portogallo verrà esposto Liam Gillick con il suo ultimo progetto Campaign. Vere e proprie coreografie spaziali in cui al loro interno sono postulati i concetti di tempo, durata e visione sociale. Nuove sculture che interrogano e giocano con l'osservatore, per creare spazi fisici alternativi atti a stimolare la riflessione.
cubetto

Cubetto, il set da gioco che insegna la programmazione ai bambini

Lanciato grazie una campagna Kickstarter mondiale, Cubetto è il giocattolo, approvato da esperti del metodo Montessori, ideato appositamente per i bambini in età prescolare, dai tre anni in su, che insegna i rudimenti della programmazione e delle competenze STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) senza l’utilizzo dello schermo
Casalegno 1

Mattia Casalegno alla Bedlam Lorenz Assembly: What it Takes to be a Body

Casalegno riflette sul concetto di bellezza e falsità della presunta superiorità dell’uomo e delle sue macchine sulla natura. Questo progetto specifico per la location include due installazioni precedenti e una nuova serie di dodici incisioni a laser su acrilici specchio e teflon ispirati dalla narrativa delle due parti.
piero-lissoni_plain2

“Faccia a faccia” con il design: i volti più famosi

Arredare perfettamente un immobile è questione di stile e funzionalità, bilanciate in modo da valorizzare entrambe le componenti. Solo i più grandi artisti del design sanno creare l'equilibrio perfetto di creatività, gusto e versatilità che trasformano un mobile o una decorazione in una vera e propria opera d'arte, sia questa minimalista o ardita.
Alain Biltereist 1

Slow, Simple, Sweet by Alain Biltereyst

Slow, Simple, Sweet è la prima mostra solista in Italia dell’artista belga Alain Biltereyst. Biltereyst continua ad esplorare le forme ed i colori attraverso la sua serie di quadri in compensato. Nonostante i suoi piccoli quadri tendano ad essere astratti, l’artista inizia sempre da una realtà (urbana) esistente.
Monochrome 1

Una mostra d’arte digitale: Monochrome

Il focus di Monochrome è l'arte digitale, nella sua forma più pura. Il bianco e il nero sono infatti, nella loro basilarità, la rappresentazione perfetta di una forma d'arte basata su un sistema binario di 0 e 1.
xcoax 2016 call def

xCOAx 2016. Scadenza 31 Gennaio 2016

Siete invitati a presentare un lavoro di ricerca teorica , pratico o sperimentale che include ma non si limita a questi temi: Computation Communication Aesthetics X Algorithms / Systems / Models Artificial Aesthetics Audiovisuals / Multimodality Creativity Design Interaction Games Generative Art / Design History Mechatronics / Physical Computing Music / Sound Art Performance Philosophy of Art / of Computation Technology / Ethics / Epistemology
digital pop call

Adaf 2016. Scadenza 25 Gennaio 2016

ADAF 2016 esplora i diversi aspetti della cultura pop nell'era digitale , concentrandosi su cinque filoni: Estetiche digitali, Tecnologie digitali, Economie digitali, Identità digitali, Musica digitale.
white cube

White Cube. Larry Bell: 6×6 An Improvisation

Larry Bell ha prevalentemente concentrato il proprio lavoro sullo studio della luce, delle sue proprietà e della sua interazione con le superfici. Bell ha installato un'imponente scultura di Pareti Eretti 6 x 6 An Improvisation è composta da 36 pannelli di vetro indipendenti e l'intuito di Bell ha permesso uno sfruttamento delle dinamiche spaziali.