Curatele

connecting1

Connecting Cultures: Mamma fotogramma e WEFAB workshops

“Milano & oltre. Una visione in MoviMento”, è un progetto avviato dall'associazione culturale Connecting Cultures. Per tutto il mese di maggio 2013 artisti, architetti, urbanisti, fotografi, scienziati, policy maker, performer, danzatori si sono alternati nel proporre una Milano insolita. Digicult è stato chiamato per organizzare 2 workshop, proponendo due realtà tra le più interessanti sul territorio: Mammafotogramma e WeFab
fracty1

Trasformazioni Affini: incontro pubblico. Bando “Che Fare”

L’idea di questo incontro, nasce dall’esperienza e la ricerca portata avanti da Marco Mancuso, Direttore del progetto Digicult, con il progetto Fracty/Trasformazioni Affini, piattaforma online selezionata tra i 32 progetti finalisti del bando Che Fare per la cultura nel 2014. Quindici professionisti, provenienti da differenti campi disciplinari e lavorativi, riflettono sui temi della cultura, dell’arte e del design e di come essi possano essere trasformati in reali fattori di innovazione sociale
mediagate1

Mediagate: la mostra al Lodzki Dom Kulturi

Nella città polacca che ha dato i natali al regista Zbigniew Rybczyński, sede di una delle più prestigiose scuole di cinema d'Europa, amata da David Lynch che vi ha girato gran parte del suo capolavoro Inland Empire, Globalne Ocieplenie / The Mediagate è una mostra prodotta dal Lodzki Dom Kulturi di Lodz e curata da Marco Mancuso e Claudia D'Alonzo.
sincronie6

Sincronie Festival. DATA: E. Domnitch & D. Gelfand, Hidden Worlds screening

Il 15 dicembre 2009 Digicult ha presentato DATA, terzo ed ultimo appuntamento del festival Sincronie 2009. Sincronie è una rassegna di musica contemporanea e sperimentale nata nel 2003. DATA è un evento e una riflessione critica sulla relazione esistente tra arte contemporanea e scienza, sulla base di processi matematici, numeri, astrazioni logiche e formule
flaisch2

Thorsten Fleisch: Mostra e Screening

Digicult ha presentato per la prima volta in Italia il lavoro di Thorsten Fleish, artista e filmaker tedesco, autore nel 2003 del film Gestalt, uno dei risultati più alti nell'ambito dell'arte audiovisiva contemporanea, premiato con una Menzione d'Onore al festival Ars Electronica 2003. I suoi lavori vengono considerati, come accade solo raramente, opere senza tempo che rimarranno negli anni, stagliandosi nel caso creativo di questo nostro tempo.
grl9

Graffiti Research Lab: Enzimi Festival 2007

Marco Mancuso ha collaborato, a nome di Digicult, con il Festival Enzimi di Roma come curatore, invitando Graffiti Research Lab per la prima volta in Italia. G.R.L. sono un think tank di New York che unisce tecnologie open source a pratiche di attivismo metropolitano di writer e artisti. G.R.L. hanno presentato il loro progetto L.A.S.E.R. TAG e i divertenti Led Throwies.
opt5

Otolab “Op7″: la mostra alla Traffic Gallery

Dall'8 Novembre gli spazi della Traffic Gallery in Bergamo hanno ospitato la mostra “op7”, del collettivo milanese otolab, a cura di Marco Mancuso e Claudia D'Alonzo per Digicult. La mostra ha voluto documentare e reinterpretare uno dei più importanti lavori live di otolab, performance audiovisiva nata nel 2006 in occasione del festival Mixed Media all'Hangar Bicocca di Milano
screenmusic8

Screen Music 1: Festival della Creatività 2006

Screen Music è un progetto di Gianni de Simone, con la curatela di Marco Mancuso , e realizzato con la preziosa collaborazione di Andrea Mi, Direttore di Videominuto e Federica Linke di Basebog. Nel solco della sperimentazione contemporanea all’interno delle nuove discipline multimediali, gli artisti invitati a esibirsi all’interno della splendida location del Teatrino Lorenese della Fortezza da Basso a Firenze
mixedmedia1

Mixed Media Festival

Mixed Media, quattro giorni dedicati alla cultura elettronica attraverso mostre d’arte e di architettura, incontri e concerti. Un evento ad edizioni dedicato alla divulgazione dei valori e dei contenuti della cultura del presente, accessibile al grande pubblico, attingendo da diverse sfere di azione denominate media art, architettura, sound e audiovisivi in cui la rassegna è stata suddivisa.
share1

Wave: Piemonte Share Festival 2005

La sezione Wave del Piemonte Share Festival 2005 a cura di Marco Mancuso, ha visto la collaborazione di Digicult nell’ambito della sezione audiovisiva del festival che si è tenuta presso la sede dello Spazio Atrium a Torino. Wave ad Atrium è pensata per interrogare i confini esplorati ed inesplorati della sperimentazione audiovisiva, attraverso l'invito di artisti italiani di riferimento come Pirandelo e Otolab.