The Museum of Contemporary Art Australia (MCA) - Sydney
01 / 11 / 2017 – 18 / 02 / 2018

Il Museum of Contemporary Art Australia (MCA) presenta una nuova grande mostra dell’artista svizzera Pipilotti Rist. Inaugurata il 1 novembre, Pipilotti Rist: Sip my Ocean è a Sydney in esclusiva come parte del Sydney International Art Series. Incorporando video e scultura, gli ambienti abbaglianti di Rist immergono i visitatori in proiezioni colorate che esplorano la relazione tra natura, corpo e tecnologia.

La mostra traccia un quadro esauriente delle rivoluzionarie pratiche di Rist, dai primi video monocanale del 1980 alle istallazioni audiovisive su larga scala, e ai recenti paesaggi immersivi. Il suo lavoro è un inno al cuore e all’intelletto, alle grandi emozioni che ci sostengono come esseri umani e alla bellezza del mondo e dell’universo che ci circonda.

Il Sydney International Art Series porta a Sydney in esclusiva le mostre più eccezionali del mondo. Creato dall’agenzia governativa per il turismo e gli eventi del NSW, Destination NSW, il Sydney International Art Series è un appuntamento esclusivo del Calendario Eventi del NSW. Il direttore del MCA, Elizabeth Ann Macgregor OBE, ha dichiarato:”Il lavoro di Pipilotti Rist è stato esposto per la prima volta all’MCA nel 2001, nel corso della mostra Art/Music: Rock, Pop, Techno e nel 2014 è stato presentato alla XIX Biennale di Sydney: You Imagine What You Desire, affascinando i visitatori che sedevano ipnotizzati  per ore nella galleria”.

“Siamo entusiasti di consolidare il rapporto di lunga data con Rist in occasione della Sydney International Art Series e di poter offrire ad un pubblico vasto e diversificato come il nostro l’opportunità di vedere l’esposizione più completa del suo lavoro che sia mai stata presentata in Australia”, ha continuato Macgregor. Esponente della prima generazione di artisti cresciuta con la televisione in soggiorno, con le sue opere Rist fa riferimento alla storia dei nuovi media, con i primi video a schermo e le recenti opere proiettate su soffitti, pavimenti e pareti.

Rist è stata un’innovatrice fin dall’inizio, cimentandosi fin da subito con le tecnologie più avanzate e con nuovi modi di fare arte. Il suo lavoro riflette il rapporto simbiotico tra tecnologia e biologia, presentando entrambe come parte intrinseca dell’esperienza umana. Occupando tutto il terzo piano del museo, insieme alle celebri opere esposte al secondo piano, la mostra si viene a strutturare come una sequenza di diverse esperienze visive.

In Das Zimmer (The Room) (1994/2017) i visitatori sono invitati a sedere sopra enormi divani rossi; in Pixelwald Motherboard (2016) devono camminare in una foresta magica di lampadine sospese, e in Administring Eternity (2011) attraverso un labirinto tessuti fluttuanti; oppure possono stendersi e alzare lo sguardo verso 4th Floor to Mildness (2016) e sdraiarsi su dei cuscini sul pavimento per immergersi in Lobe of the Lung (2009).

Questa mostra raccoglie le opere fondamentali della carriera di Rist, incluse le sue primissime e più note proiezioni video a due canali Sip my Ocean (1996) e Ever is Over All (1997). Per quattro anni la società Citi è stata il presenting partner del Sydney International Art Series presso l’MCA, supportandolo nel portare a Sydney le opere dei principali artisti emergenti su scala mondiale.

L’amministratore delegato di Citi Australia, David Livingstone, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di portare al Citi il meglio di ciò che il mondo offre all’Australia e di aprire le porte ad esperienze che allargano la nostra prospettiva sul mondo che ci circonda. Pipilotti Rist è una delle artiste più emozionanti al mondo e Citi è orgogliosa si sostenere l’ultima mostra di questa rinnovata pioniera del mondo dell’arte”.

La curatrice della mostra e senior curator dell’MCA, Natasha Bullock conclude: “Pipilotti Rist unisce idee e sentimenti, e lo fa attraverso il prisma del video. I suoi mondi immaginari scolpiscono una visione unica, che ha tutta la profondità e il peso della pittura – una forma d’arte che da secoli sostiene culturalmente noi e le nostre fantasie. Rist, tuttavia, dipinge con luci, telecamere e tastiere”.

Pipilotti Rist è nata a Grabs, in Svizzera, nel 1962. Ha studiato all’University of Applied Arts di Vienna e presso la Basel School of Design ed ha acquistato notorietà dalla metà degli anni ’80 e ’90 grazie ai video monocanale, tra cui I’m Not The Girl Who Misses Much (1986) e Pickleporno (Pimple Porno) (1992). La sua opera Ever Is Over All (1997) ha vinto il Premio 2000 per gli eccezionali risultati alla Biennale di Venezia del 1997. Nel 2009 ha ricevuto il Joan Mirò Prize alla Fondazione Joan Mirò di Barcellona per la sua sorprendente creatività.

Per il suo primo lungometraggio, Pepperminta (2009), Rist ha vinto l’Extraordinary Award Jury President al sesto Festival del Cinema Europeo di Siviglia, Spagna e, nel 2010 il Cutting the Edge Award all’International European Film Festival di Miami. Nel 2012 ha ricevuto l’Harper’s Bazaar China Art Prize; nel 2013 lo Zurich Festival Prize; e nel 2014 il Prix Meret Oppenheim.

Fra le sue mostre personali degli ultimi anni bisogna ricordare: Pipilotti Rist: Pixel Forest, New Museum, New York, USA (2016); Pipilotti Rist: Your Saliva is my Diving Suit in the Ocean of Pain, Kunthaus Zurich, Svizzera (2016); Komm Schatz, wir stellen die Medien um & fangen nochmals von vorne an, Kunsthalle Krems, Austria (2015); Gentle Wave in Your Eye Fluid, Guangdong Times Museum, Guangzhou, Cina (2013); Pipilotti Rist: À la belle étoile, Henry Art Gallery, University of Washington, Seattle, USA (2012); Pipilotti Rist – Spear to Heaven, LEEUM – Samsung Museum of Art, Seoul, Corea (2012); Blutbetriebene Kameras und Quellende Räume, Kunstmuseum St Gallen, Svizzera (2012); Eyeball Massage, Hayward Gallery, Londra, Regno Unito (2011) e Kunsthalle Mannheim, Germania (2012); Parasimpatico, Fondazione Nicola Trussardi, Cinema Manzoni, Milano, Italia (2011); Pipilotti Rist. Partit Amistós – Sentiments Electrònics, Fundació Joan Miró, Barcellona e Centre Cultural Caixa de Girona Fontana d’Or, Girona, Spagna (2010); Elixir: The Video Organism of Pipilotti Rist, Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam, Paesi Bassi (2009); e Pour Your Body Out (7354 Cubic Meters), Museum of Modern Art, New York, USA (2008).


www.mca.com.au/pipilotti-rist/

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn