Galerie Bernard Bouche – Paris
15 / 10 / 2016 - 26 / 11 / 2016

La Galleria Bernard Bouche ha inaugurato la mostra di Jorge Molder, Observations dans le noir (Osservazioni nel buio), lo scorso sabato 15 Ottobre. Molder è un rappresentante di spicco della mid-generation di artisti portoghesi, nonché un importante esponente della fotografia contemporanea.

Dagli anni ’70, ha sviluppato una pratica fotografica che si muove tra sogno e meta-realtà. Nelle sue immagini, gioca con se stesso come se cercasse di trascendere la propria identità per convogliare l’attenzione verso quegli elementi inspiegabili della vita quotidiana, risvegliando la memoria sensibile dello spettatore che viene messa a confronto con i suoi ricordi personali o artistici.

Conseguentemente, egli sviluppò un debole per i luoghi oscuri dell’anima, “l’inquietante stranezza”, la mappa dei nostri desideri e ambiguità. Questo è un lato metafisico che attraversa la routine di ogni essere umano. Amplificando il soggetto con i mezzi della propria immagine, l’artista, non senza ironia, sembra affrontare se stesso come un estraneo. Ciò si riferisce alle serie dove il soggetto centrale è spesso l’artista, la sua faccia e le sue mani. Ponendo se stesso al di fuori della auto-rappresentazione o introspezione, Molder crea immagini metaforiche, con cui tenta di riflettere sul tempo e sull’essere nel mondo.

molder2

Jorge Molder, nato nel 1947, vive a Lisbona. Ha tenuto la sua prima mostra privata nel 1977. I sui lavori fanno parte di diverse collezioni internazionali e sono esposti in vari musei. Ha partecipato alla 22esima Biennale di San Paolo (1994) e alla 48esima Biennale di Venezia (1999), dove ha rappresentato il Portogallo. Gli è stato conferito l’importante premio EDP/Arte nel 2010 e l’AICA/Portugal Prize/Art nel 2014.

Ha presentato mostre sia in Portogallo che all’estero, tra cui: Luxury Bond all’Hayward Gallery, Londra (1999), alla Maison Européenne de la Photographie Paris e alla Jeu de Paume Paris (2002), al Museu de Arte Moderna Aloísio Magalhães, MAMAM, Recife, Brasil (2003), Das Schwarze Quadrat, Hamburger Kunsthalle (2007), L’interprétation des rêves  Fondation Calouste Gulbenkian Lisbonne di Parigi 2009, Pinocchio Chiado 8, Lisbona 2010.


http://www.galeriebernardbouche.com/

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn