DHC/ART Foundation for Contemporary Art - Montreal
25 /10 / 2017 – 11 / 03 / 2018

Per celebrare il suo decimo anniversario, la DHC/ART Foundation for Contemporary Art presenta la mostra Naissance à rebours (Nascita al contrario) di Bill Viola.

Bill Viola è noto come pioniere della videoarte, con oltre quarant’anni di carriera. Attraverso video monocanale, videoinstallazioni, ambienti sonori, performance di musica elettronica e televisione broadcast, il suo lavoro esamina in profondità i temi universali della vita, della morte, dell’evolversi della coscienza, dello spirito e della condizione umana.

La mostra alla DHC/ART Foundation riunisce quattro video su schermo piatto, The Return (2007), Ancestors (2012), Walking on the Edge (2012) e The Encounter (2012), e la videoproiezione Ascension (2000). Al suo debutto in Canada però, è la sua installazione più recente e importante, Naissance à rebours (2014).

Questa grandiosa proiezione ritrae i cinque stadi del risveglio attraverso una serie di violente trasformazioni, esplorando la vera natura della nostra esistenza: vita, morte, nascita e rinascita. “La vita non è un inizio, la morte non è una fine”, ha ricordato Viola citando il filosofo cinese Chuang Tzu (370-278 a.C.).

La Fondazione ringrazia Kira Perov, Jane Cohan, James Cohan Gallery, e François Rochon della Giverny Capital Collection per il loro supporto nella realizzazione di questa esposizione.

Bill Viola è nato a New York nel 1951 e si è laureato all’Università di Syracuse nel 1973. Figura fondamentale nel campo della videoarte, da più di quarant’anni realizza installazioni, film, ambienti sonori, rappresentazioni video su schermo piatto, e opere d’arte per concerti, spettacoli teatrali e luoghi sacri.

Viola ha rappresentato gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia nel 1995. Tra le principali mostre personali si possono ricordare: Bill Viola. Rinascimento Elettronico, Palazzo Strozzi, Firenze; Bill Viola. Installationen, Deichtorhallen, Amburgo; Bill Viola. Restrospectiva, Guggenheim, Bilbao (tutte del 2017); Bill Viola, Grand Palais, Parigi (2014); Bill Viola, Visioni interiori, Palazzo delle Esposizioni, Roma (2008); Hatsu-Yume (primo sogno), Mori Art Museum, Tokyo (2006); Bill Viola -Visions, ARoS, Aarhus (2005); The Passions, J. Paul Getty Museum (2003); Bill Viola: A 25-Year Survey, The Whitney Museum of American Art (1997).

Nel 2004, Viola ha realizzato un video della durata di quattro ore per accompagnare la produzione dell’opera di Wagner Tristano e Isotta diretta da Peter Sellar, eseguita più volte negli Stati Uniti, in Canada, in Europa e Giappone. Viola ha ricevuto numerosi premi tra cui il XXI Catalonia International Prize (2009) e il Praemium Imperiale conferito dalla Japan Art Association (2011). È stato eletto membro onorario della Royal Academy di Londra nel 2017.

Kira Perov è la direttrice del Bill Viola Studio. Lavora a stretto contatto con Bill Viola e dal 1979 gestisce e supporta l’artista dal punto di vista creativo e lo assiste nella produzione delle videoinstallazioni. Revisiona inoltre tutte le sue pubblicazioni e organizza e coordina le esposizioni dei suoi lavori in giro per il mondo. Kira Perov si è laureata in Lingue e Letterature presso l’Università di Melbourne nel 1973.

Fondata nel 2007, DHC/ART è un’organizzazione non-profit dedicata all’esposizione dell’arte contemporanea. Ha sede in due palazzi storici nel cuore della vecchia Montreal (Vieux-Montréal), e gli eventi in programmazione hanno ricevuto critiche entusiaste sia in Canada che in tutto il mondo. Ogni anno vengono proposte due o tre mostre, una serie di eventi pubblici, progetti collaborativi e un innovativo programma educativo.

Di portata internazionale, ma sensibili al contesto della città di Montreal, tutti gli eventi sono a ingresso gratuito. Questo è uno dei modi con cui DHC/ART rinforza il suo impegno per l’accessibilità, incoraggiando così una riflessione su come l’arte contemporanea sia permeata di idee e tematiche che riflettono e si relazionano con la nostra vita quotidiana.


www.dhc-art.org

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn