Palazzo Strozzi, Florence
10 / 03 - 23 / 07 / 2017

Dal 10 marzo al 23 luglio 2017 la Fondazione Palazzo Strozzi presenterà al pubblico fiorentino Bill Viola – Electronic Renaissance, un’ importante mostra che celebra questo indiscusso maestro della video art.

Una mostra completa e unica invaderà il piano nobile e la Strozzina e vi farà immergere nello spazio, nella musica e nel suono mano a mano che seguirete la carriera di questo artista, dai suoi lavori sperimentali degli anni ’70 fino alle sue grandiose installazioni del XXI secolo.

Viola indaga sul genere umano esplorandone la spiritualità, l’esperienza e la percezione: persone, corpi e visi sono gli attori principali di questo lavoro, insieme al suo stile simbolico, poetico e forte, nel quale l’uomo interagisce con le forze e le energie della natura come l’acqua e il fuoco, la luce e l’oscurità, il ciclo della vita e il ciclo della rinascita.

L’ambientazione rinascimentale di Palazzo Strozzi gioca un ruolo fondamentale ed enfatizza l’affascinante rapporto tra il classico e il contemporaneo promuovendo dialoghi innovativi tra i lavori di Viola e i grandi lavori dei maestri del passato, ai quali si è ispirato e che hanno segnato l’evoluzione del suo stile e del suo vocabolario artistico.

bill-viola-image1-001

La mostra è, pertanto, una celebrazione dello speciale rapporto tra Bill Viola e Firenze, dove cominciò la sua carriera nella video art, quando fu direttore tecnico di art/tapes/22, una produzione video e un centro di documentazione dal 1974 al 1976. Il suo legame con la storia e l’arte della Toscana è inoltre amplificato, all’interno della mostra, dall’intensa interazione con grandi musei e istituzioni come il Grande Museo del Duomo, gli Uffizi e il Museo di Santa Maria Novella di Firenze, così come le città di Empoli e Arezzo. La mostra è a cura di Arturo Galansino, direttore generale della Fondazione Palazzo Strozzi e Kira Perov, direttore esecutivo del Bill Viola Studio.


http://www.palazzostrozzi.org/ 

SHARE ONShare on FacebookGoogle+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn