marzo 2011

numero62_ The OVNI Project 01

Il Progetto “OVNI”. Il Video Come Experienza Critica

L'edizione 2011 di OVNI (Osservatorio Video Non Identificato)  dedicata al tema della dis_realtˆ. In un'epoca in cui il mondo dello spettacolo, troppo spesso confuso con quello della cultura,  assurto a modello di vita reale, dove finzione e realtˆ si fondono in un'unica soluzione, dove la soliditˆ fisica e mentale si dissolve in un flusso continuo di immagini ed apparenze, qui, in questa intricata e complessa mutazione della realtˆ, il lavoro del gruppo OVNI si presenta come un antidoto ai veleni della comunicazione e dell'informazione contemporanea.
numero62_ Videozoom Japan 01

Videozoom Japan. Re-Inquadrare Il Quotidiano

Dal 7 Dicembre al 10 Gennaio scorso, Kenicho Kondo, curatore del Mori Art Museum di Tokyo, ha presentato una serie di giovani artisti giapponesi presso Sala 1 - International Center for Contemporary Art di Roma, nell'ambito della rassegna Videozoom Japan. Un panorama selezionato e formalmente interessante della produzione artistica del Sol Levante degli ultimi dieci anni, incentrata sulle tematiche legate al re-inquadrare il quotidiano (come suggerisce il sottotitolo della rassegna).
numero62_ That Measure of Light 01

Quella Misura Di Luce. Conversazione Con Ugo Pitozzi

Tra le figure di punta della danza d'autore italiana nata negli anni ottanta, Ugo Pitozzi  coreografo e videoartista. Formatosi sui linguaggi delle arti visive all'Accademia di Brera di Milano e della danza contemporanea, ha studiato tecnica Laban, tecnica contemporanea con William Forsythe, principi del lavoro di Mary Wigman con Erika Thimey e composizione coreografica con Gerhard Bohner, oltre ad aver frequentato classi di composizione coreografica e creazione contemporanea con Merce Cunningham, Meredith Monk, Rosalia Chladek, Simone Forti.
numero62_ Yao Dajuin 01

Yao Dajuin: Cca. La Scuola Di Intermedia Art Di Hangzhou

Yao Dajuin, di base a Hangzhou dove insegna presso la China Academy of Art (CAA),  un artista e studioso piuttosto anomalo all'interno dello scenario cinese dei media, a causa essenzialmente del suo approccio intellettuale e storico al materiale culturale contemporaneo.
numero62_ Memory and Media 01

Memoria E Archeologia Dei Media. Intervista A Tania Aedo

Un box di DVD recentemente pubblicati dal Laboratorio Arte Alameda di Cittˆ del Messico ripercorre la storia delle pratiche artistiche al confine tra arte, scienza e sperimentazione tecnologica a partire dagli anni Venti del XX Secolo nel paese Centro Americano.
numero62_ Notes on Transmediale 01

Notes Su Transmediale 2011: Hack:ability E Identita’

L'ultima edizione di Transmediale, la grande kermesse Berlinese sui nuovi media, ha riunito come ogni anno artisti, critici, curatori, attivisti e addetti ai lavori sotto l'enfatico titolo Response:Ability. Transmediale si è occupato, nella sua edizione 2011, delle implicazioni politiche generate dall'evoluzione tecnologica in corso, di quelle abilità che il soggetto ipermediale e ultraconnesso deve acquisire per far fronte alle nuove questioni che la realtà pone con urgenza. dare una forma ai tanto sfuggenti social network.
numero62_ Between Bodies 01

Between Bodies. I Suoni Corporei Di Nina Waisman

All'ultima Biennale di Orange County abbiamo assistito con piacere alla selezione che Sarah Bancroft, curatore dell'OCMA (Orange County Museum of Art), ha fatto di alcuni artisti riconducibili alla Southern California art scene, strettamente collegata con gli studenti e la facoltˆ del programma Visual Arts della U.C.S.D (University of California San Diego).
numero62_Borders Struggles 01

Lotte Senza Confini. L’electronic Disturbance Theatre 2.0

Noi siamo gli Electronic Disturbance Theater 2.0 - EDT2.0 (http://www.thing.net/~rdom/ecd/EDTECD.html). Come collettivo, siamo giˆ in tanti. Come molteplicitˆ, i nostri obbiettivi, le nostre speranze e intenzioni sono multipli. I nostri interessi condivisi includono azioni di disturbo contro ogni tipo di confine: nazionale, di genere, disciplinare, di finzione, attraverso lo sfruttamento e la ri-messa in scena delle tecnologie, della poesia e dell'immaginazione di ciascuno di noi
numero62_Costellations and Fragments 01

Costellazioni E Frammenti. Il Suono Di Stephan Mathieu

Gli ultimi due lavori del sound artist tedesco Stephan Mathieu  A Static Place e Remain - seguono piuttosto quest'ultimo processo. Per entrambi, Mathieu si  servito di composizioni edite di eterogenea natura: una collezione di 78 giri di prime registrazioni audio risalenti agli anni '20 e la partitura sonora di un'installazione di Janek Schaefer, Extended Play. Mathieu non  nuovo al reprocessing, tecnica che utilizza da molto tempo creando set up con strumenti e dispositivi analogici collegati ad hardware che lavorano in real time, ma negli ultimi anni la sua passione per le prime registrazioni discografiche, gli strumenti antichi, i suoni ambientali e i mezzi di comunicazione obsoleti, lo hanno portato a sperimentare nuove soluzioni anche riguardo le composizioni contemporanee.
numero62_ Ulrich Vogl 01

Ulrich Vogl. Armonia E Mondi In Equilibrio

Ulrich Vogl (Kaufbeuren, 1973)  cresciuto nella Germania del sud, ha studiato a Monaco, a Berlino e alla School of Visual Arts di New York. La vena artistica, dichiara lui stesso, l’ha ereditata dal nonno, che fu ricercatore e inventore di varie apparecchiature. Questo mondo familiare e venato di romanticismo appartiene ad Ulrich Vogl quanto alle sue opere, che sono un unicum di invenzione ed idilliaca evocazione, epurata grazie a forme nette e definite, scelte cromatiche minimali in grado di allontanare ogni venatura leziosa e capaci di donare un aspetto sintetico e intrigante al lavoro finale.
numero62_ Realities 01

Realities: United Featuring. La Luce Come Convettore Di Sguardi

Realities: United  uno studio berlinese, fondato nel 2000 dai fratelli Jan e Tim Edler, impegnato nella sperimentazione costante dei labili confini tra arte digitale e architettura. Lo studio, ormai rinomatissimo, ha ricevuto negli ultimi anni moltissimi riconoscimenti internazionali per la progettazione e realizzazione di opere architettoniche e progetti artistici, molti dei quali fanno oggi parte delle collezioni di centri di arte d' importanza mondiali quali il Moma e il Vitra Design Museum di Weil am Reid.
numero62_ Urban Transcripts 2010 01

Urban Transcripts 2010. Sulla Pelle Delle Citta’

L'inaugurazione della prima mostra internazionale e interdisciplinare Urban Transcripts si  tenuta lo scorso 16 dicembre 2010 al Booze Cooperativa nel centro storico di Atene. Ospitata in un edificio neoclassico di tre piani,  una delle pi importanti, vivaci e innovative piattaforme per lo scenario d'arte contemporanea della capitale, che favorisce diversi tipi di scambio e dialogo tra varie forme d’arte, ideologie e filosofie, creando un ambiente per la collaborazione e la creatività che comprende tutti i campi di espressione.
numero62_ Seaquence 01

Seaquence. Micro-colture Audiovisive In Rete

Seaquence  un progetto on-line sviluppato da Ryan Alexander, Gabriel Dunne e Daniel Massey durante una residenza al Gray Area Foundation for the Arts (GAFFTA) di San Francisco. Si tratta di una piattaforma che permette di costruire dei sequencer visualizzati come micro-organismi, la cui forma cambia a seconda delle trasformazioni dei parametri audio. Riuniti in colture di Petri virtuali, i sequencer si sincronizzano tra loro dando vita a composizioni ritmiche semplici ma estremamente suggestive.