febbraio 2011

numero61_ The Perturbing Image 01

L’immagine Conturbante. Intervista Con Francesca Fini

Francesca Fini  una donna-immagine: produttrice di immagini (statiche ed in movimento, reali e sintetiche) attraverso l'utilizzo di differenti linguaggi: dalla performance alla regia, dall'interaction design alla (hyper) grafica, passando per una miriade di ibridazioni e contaminazioni. Nel corso degli anni si  cimentata con diversi media, esordendo addirittura nel '96 con il romanzo (di autobiografica formazione) 'Cos" parlo Mickey Mouse', per passare poi a lavorare per il cinema e la televisione. La sua formazione multidisciplinare  divenuta la forza e la caratteristica dalla quale partire per costruire una propria organica ed originale carriera artistica. Il corpo  per lei territorio sensibile con il quale esplorare suggestioni e riflessioni sull'ancestrale (a)modernitˆ dei bisogni e delle necessitˆ dell'uomo (meglio, la donna) e della sua rappresentazione, ma soprattutto campo di battaglia entro il quale, e con il quale, articolare azioni e gesti che diventino altro da sé. Corpo manufatto ibridato con tecnologia concettuale d'ispirazione cyberpunk (low-tech femminista alla luce del 'Manifesto cyborg' di Donna Haraway, testo-faro dell'artista romana).
numero61_ Re-focussing the Lens 01

Rimettere A Fuoco L’obbiettivo. New Media E Film Festival

Un strumento espositivo piuttosto familiare per gli artisti operanti nel campo delle arti mediali é rappresentato dal circuito dei festival internazionali di arte e tecnologia: uno scenario salutare, con eventi regolari come Transmediale (Germania), Ars Electronica (Austria), ISEA (localitˆ varie), O1SJ (USA), e arte.mov (Brasile), che espongono gli ultimi lavori di artisti provenienti da ogni parte del mondo. Questi eventi presentano artisti sia nuovi che affermati e propongono contesti e dibattiti per mezzo di conferenze e seminari di settore. Nonostante ci˜, per molti di loro le possibilitˆ di esporre al di fuori di tali contesti risultano limitate.
numero61_ The Fine art of Glitches 01

La Sottile Arte Del Glitch. Trucchi Ed Errori

Se uno degli artisti di nuova generazione guardasse il famoso quadro di Marchel Duchamp, Nudo che scende le scale, n.2 (1912), direbbe: 'Ferma, ecco un primo esemplare di glitch art!' Quando Duchamp ha dipinto questo quadro ha lasciato sulla tela le tracce di una persona che scende le scale. Si potrebbe cogliere un effetto visivo simile quando si ha una scheda grafica danneggiata che lascia traccia dell'oggetto in movimento sullo schermo.
numero61_ Move 01

Move: Choreographing You. Art & Dance Exhibition

La mostra Move: Choreographing You all'Hayward Gallery di Londra mi ha lasciato semplicemente senza fiato e al colmo dell'eccitazione. Organizzata da Stephanie Rosenthal, curatore capo all'Hayward,  in sostanza una mostra partecipativa che invita a non essere pi meri spettatori passivi, rendendovi anzi compartecipi - o addirittura dei ballerini - nelle ambientazioni e nelle sculture create da artisti visivi e coreografi di livello internazionale
numero61_ Oliviero Ponte diPino 01

Oliviero Ponte Di Pino. Ateatro.it: Dieci Anni Di Webmagazine

Il progetto Ateatro nasce il 14_01_2001, Wikipedia nasce il 15_01_2001. In principio era il blog (alla fine degli anni '90, la parola ancora non si usava) e si chiamava www.olivieropdp.it, archivio personale di testi, frutto di oltre vent'anni di attivitˆ culturale di Oliviero Ponte di Pino - uno dei critici di punta della scena contemporanea - digitalizzati e riversati online (in pagine html statiche), poi via via arricchito di nuovi materiali d'attualitˆ.
numero61_ Def India and Chanderiyann 01

Def India E Chanderiyaan. Digital Empowerment E Comunita’ Locali

Def India, acronimo di Digital Empowerment Foundation India,  un'organizzazione noprofit, nata nel 2002, che opera per l'educazione e l'utilizzo delle tecnologie informatiche e della comunicazione digitale in particolare in India, ma anche in altre aree dell'Asia. Def India sviluppa piattaforme digitali per le masse, soprattutto in aree pi disagiate e povere cercando progettare soluzioni tecnologiche che rispondano alle necessitˆ della popolazione e consentano l'inclusione di diversi gruppi sociali, minoranze etnolinguistiche e religiose.
numero64_Kim Asendorf 01

Kim Asendorf. Censored Censored Chinese News

Dal momento che il Dipartimento per la propaganda del governo Cinese ha persino pi potere del Primo Ministro Wen Jiabao, vale la pena chiedersi quanto possa essere potente la cattiva informazione e la propaganda del governo nel mondo contemporaneo. Il dibattito sulla censura Cinese  stato affrontato in diverse sedi. E certamente tutti sono a conoscenza delle rigide leggi sulla censura a cui il governo ha sottoposto Google e dei continui confronti tra le due parti.
numero61_Tracing infra-spaces 01

Tracciare Gli Infra-spazi. Inizi Complicati E Finali Ellittici

Questo articolo offre un'analisi sul modo in cui disegnare gli infra-spazi, riveli creativamente un nuovo tipo di geometria digitale che emerge dai 'fluss" algoritmici dei sistemi di visualizzazione digitale, ridefinendo la nostra percezione della scienza, della tecnologia e della visualizzazione. Di seguito la seconda delle due parti di questo saggio.
numero61_Dyndy.net 01

Dyndy.net: The Future Of Money: Per Una Nuova Economia Democratica

Lo scorso autunno ad Amsterdam si  tenuta la seconda conferenza intitolata Economies of the Commons - Paying the cost of making things free - (www.ecommons.eu) per discutere la politica economica dei nuovi media e le consequenze per il settore culturale partendo da un esame critico delle economie in atto nei digital commons.
numero61_Zimoun & Leerraum 01

Zimoun & Leerraum [ ]. Organismi Sonori In Evoluzione

L'artista svizzero Zimoun si definisce lui stesso un autodidatta. Come metterˆ in chiaro in una delle risposte di questa intervista, non ha studiato arte, non ha un background solido da questo punto di vista e tantomento ha mai pensato di confrontarsi con le avanguardie o i movimenti artistici che lo hanno preceduto. Come cercher˜ di mettere in evidenza in questo articolo,  al contempo uno degli artisti contemporanei pi interessanti e visionari. Unico nel panorama internazionale della sound art per la sua ricerca sulle potenzialitˆ espressive del suono analogico (meccanico) nel rapporto con lo spazio, nonch nell'analisi estetica di una possibile traduzione visiva del meccanismo sonoro che sottende le sue opere.
numero61_Vaghe Stelle 01

Vaghe Stelle: Synths, Stars, Memories

Siamo tutti d'accordo (speriamo): nell'ambito dell'elettronica la scena musicale italiana produce progetti originali e rilevanti come non riesce n nel pop, n tantomeno nel rock. Da Alexander Robotnik ai We Love, passando per Lory D e Marco Passarani, ovunque nel mondo si scatena interesse per musica di qualita' prodotta da musicisti italiani e' attraverso beats sintetici. L'ultimo esempio? Vaghe Stelle.
numero61_MediaFacades 01

Facciate Mediatiche. Quando Gli Edifici Cominciano A Twittare

L'analisi svolta in questo articolo vuole descrivere le facciate mediatiche internazionali con i loro differenti messaggi artistici, sociali o pubblicitari, ma anche le interfacce quali le applicazioni per iPhone o i sensori per il cervello atti alla partecipazione pubblica.
numero61_ New Plannig Protocols 01

Nuovi Protocolli Progettuali. Transizioni Tra Design E Scienza

Nell'ultimo decennio il settore del design ha dimostrato un interesse sempre maggiore verso la possibilitˆ di implementare la ricerca scientifica nei propri prodotti, asservendosi di strumenti e metodi basati sull'integrazione multidisciplinare, nonch su criteri caratterizzati da un rigore di matrice sempre pi scientifica. Il design contemporaneo mira a promuovere processi di innovazione e sperimentazione, in cui design e scienza si avvicinano, si intersecano e si fertilizzano.
numero61_ Audovisual Parameters 01

Parametria Audiovisiva. Le Strutture “naturali” Di Paul Prudence

Paul Prudence, real-time visual performer, lavora con sistemi procedurali esplorando struttura, potenzialitˆ grafiche e generative dei sistemi audio-visivi. é impressionante nel suo lavoro, colto, intelligente, aperto, la capacitˆ di stare in pi mondi contemporaneamente, dal live-based media alla grafica d'arte, mantenendo sempre un'attenzione alla forma ed al rigore compositivo non da facile riscontrare all'interno del mare magnum della creativitˆ digitale. é una di quelle figure ibride a cavallo tra arte e design che si stanno rivolgendo alla visualizzazione dei dati per interpretare all'incrocio tra arte e di algoritmi il diluvio di informazioni che ci circonda, spesso con risultati inaspettati.