gennaio 2007

videoart_monicaponzini01

Jonas Mekas, Video Arte D’improvvisazione

Jonas Mekas dice dei suoi film che 'sono lineari, orizzontali', che c' un passato e un presente e si tratta per la maggior parte di attimi rubati alla sua vita di tutti i giorni, gli amici, i luoghi, le discussioni. Non c' soluzione di continuitˆ tra un video e l'altro, l'unico collante  lui stesso, che decide di accendere la videocamera secondo l'impeto del momento, senza un piano preciso, e poi li seleziona, ne stabilisce l'eventuale montaggio, ne determina la successione.
videoart_alessandramigani06

New Music Shorts: Nuovi Talenti Crescono

Le nuove forme brevi della comunicazione audiovisiva vivono oggi di continue contaminazioni di generi e forme. Se guardiamo a cortometraggi e music videos noteremo con piacere che le divisioni di generi non sono poi cos" nette. Sempre pi spesso in alcuni cortometraggi la musica diventa talmente dominante che si perdono i dialoghi, oppure si guarda ad un music video ed improvvisamente i dialoghi superano la musica, facendosi netti.
Cory Arcangel, Re-costructing Code Art

Cory Arcangel, Re-costructing Code Art

Vive e lavora a Brooklyn ed  uno dei pi interessanti artisti digitali in America. I suoi lavori sono stati esposti alla Whitney Biennale, al Guggenheim, al MoMA e al PS1. Ha cominciato con l'hacking di cartucce per il Nintendo, ha continuato con una versione del Tetris al rallentatore e con un video da 15 minuti su Super Mario.
softwareart_domenicoquaranta03

Nuovi Media E Museo: Un Caso Italiano?

Dal 16 dicembre 2006 al 16 gennaio 2007, il Casoria Contemporary Art Museum ha proposto una colossale mostra itinerante progettata e curata da Agricola de Cologne e da Antonio Manfredi. Ma il piccolo e intraprendente museo napoletano non si  fermato l', accogliendo questa ampia scelta di opere - 260 opere multimediali, audio, video e fotografiche pi 100 testi di scrittura creativa e poesia visiva, per un totale di 360 artisti - nella sua collezione permanente.
performing_massimoschiavoni02

Bigonzetti-plessi. Tutti In Piedi

Un Romeo and Juliet diverso dalle forme e dagli stereotipi usuali, strana visione e pura creazione, ineccepibile creatura raffinata e contemporanea firmata Bigonzetti-Plessi, garanzia di innovazione, qualitˆ e perfezione estetica-artistica.
newmedia_monicaponzini01

Blip Festival, Low-bit Art In Love

Se il vostro primo amore  stato Pong e non il bambino o la bambina del banco accanto, se da piccoli la vostra idea di attivitˆ fisica era far passare Mario da una piattaforma all'altra, se avete portato il vostro Game Boy anche al gabinetto pur di passare al livello successivo di Donkey Kong, il Blip Festival fa decisamente per voi.
hackart_lucreziacippitelli01

Peam 2006: Report Dall’arte Digitale

Al Peam 2k6 di Pescara, dal 6 al 10 Dicembre, c'era tutto ci˜ che desideriamo ed inseguiamo disperatamente. Probabilmente, l'autentica ragion d'essere di ci˜ che leggiamo, ascoltiamo, osserviamo, programmiamo e pensiamo tutti i d'
netart_giuliasimi03

I Quadri Interattivi Di Nicolas Clauss

Ammetto, non conoscevo Nicolas Clauss fino a qualche mese fa, quando mi sono casualmente imbattuta nel comunicato stampa del festival Bananaram, che annunciava l'acquisto di una sua opera, Scalpe, per 15.000 euro. Maria Rita Silvestri, direttrice e curatrice del festival, definisce la sua opera come 'caratterizzata da una forte identitˆ europea' e afferma che 'riesce a contaminare di poesia lo strumento digitale'.
My Space Vjing, Bullettin From The Net

My Space Vjing, Bullettin Dalla Rete

Si dice in giro che MySpace sia il responsabile del successo di alcune nuove band salite alla ribalta negli ultimi mesi: da Hawthorne Heights ad Arctic Monkeys, da The Feeling a Clap Your Hands Say Yeah fino a Lily Allen. Senza andare tanto lontano, anche diverse band e artisti di casa nostra hanno qualcosa da dire riguardo alle potenzialitˆ di MySpace.
ia_teresadefeo01

Networked Nature: Natura E Arte Elettronica

Networked Nature, un'esibizione collettiva di artisti che lavorano in network e riflettono sulla importanza di una redifinizione del rapporto tra uomo e natura. Mescolano politica e impegno, nuove tecnologie e lo spirito collaborativo e unanime della rete. Sono ospitati dal 11 Gennaio al 18 Febbraio al New Museum of Contamporary Art di New York. La mostra  organizzata da Rhizome. Gli artisti presenti sono C5, Futurefarmers, Shih-Chieh Huang, Philip Ross, Stephen Vitiello, e Gail Wight. Conosciamoli pi da vicino, insieme ai loro lavori.
ia_gigighezzi02

Alcune Boe Per Il Science By The Bay

A San Francisco, dal 15 al 19 febbraio 2007 si terrˆ il meeting Science by the Bay. Il convegno annuale  organizzato dalla The American Association for the Advancement of Science (AAAS), una delle pi importanti associazioni non-profit scientifiche del mondo.
hackart_lucreziacippitelli01

Arcangel Costantini, Hacking Come Arte E Vita

Arcangel Costantini  un artista vulcanico che opera da Cittˆ del Messico. Dalla fine degli anni Novanta i suoi lavori si sono orientati sulla realizzazione di progetti di qualcosa che poi sarebbe stata nominata e definita come Net Art, di cui  diventato uno degli esponenti pi rappresentativi a livello internazionale, ma da cui si  poi allontanato per dare giustamente una collocazione ben pi ampia e completa al suo lavoro.
hackart_francescavalsecchi05

Networking, La Rete Come Arte

(English) Tatiana Bazzichelli, known online as T_Bazz, presents her book Networking. La Rete come arte , edited by Costa&Nolan, a new point of view on the technological and cultural panorama which takes shape in Italy and involves the movements and the experimentations of the underground, of the digital nets and of the auto-organized experiences of the computer communities.
elettronica_silviabianchi01

John Duncan, La Musica Dell’invisibile

Something Like Seeing in the Dark  il titolo dell' inedita performance sonica realizzata da John Duncan e Leif Elggren appositamente per Netmage 07. John Duncan, statunitense di origine, ma apolide e ospite di innumerevoli stati distilla la sua esperienza che sarebbe riduttivo confinare al genere della sound-art.
ladytron02

Ladytron, E’ Di Nuovo L’ora Delle Streghe

é questo il caso, decisamente, dei Ladytron, fenomeno pop degli ultimi anni grazie alla pubblicazione nel 2001 e nel 2002 di due album folgoranti per gli amanti del genere come 604 e Light and Magic nonché di alcune vere e proprie hit come Playgirl o Seventeen o True Mathematics. Il quartetto di Liverpool (Daniel Hunt, Reuben Wu, e le vocalist Helen Marnie e la bellissima Mira Aroyo) ha appena dato alle stampe il suo terzo album, Witching Hour, dopo una lunghissima assenza durata quasi 4 anni, dovuta prima a una interminabile attivitˆ live in giro per il mondo e poi a problemi contrattuali con relativo cambio di etichetta.
elettronica_miriampetruzzelli02

No Signal: Musiche D’oltre Mare

Che cosa sarebbero i film di Fellini senza le musiche di Nino Rota? Il muto di Chaplin senza il contrappunto musicale che talvolta era egli stesso a comporre anche dopo l'avvento del sonoro? Chaplin, che credeva che l'essenza del cinematografo fosse il silenzio, ci ha insegnato che il sonoro non  fatto di parole, ma di note.
daan3

Daan Roosegaarde. Un mondo interattivo e sostenibile

Daan Roosegaarde (1979)  un giovane scultore e architetto. Lavora a Rotterdam, nei Paesi Bassi, dove ha da poco inaugurato lo Studio Roosegaarde, uno spazio di progettazione e creazione di sculture ed architetture interattivi ad alta tecnologia.
design_mk03

Motomichi Nakamura, Japanes Hasta La Madre

In un ambiente, artistico e professionale, in cui sempre pi spesso il riconoscimento di una precisa levatura artistica  determinato, soprattutto a livello grafico e visuale, pi dalla capacitˆ di utilizzo eclettico del software open source pi recente che da una visione estetica pi ampia e stilisticamente matura e riconoscibile, il lavoro del visual artist, vj e motion graphic designer giapponese/americano Motomichi Nakamura, riconcilia con la semplicitˆ, la dinamicitˆ e la potenza espressiva della graphic animation.