Ultimi post

darkcontent4

L’invisibilità e la sorpresa. Eva e Franco Mattes alla Carroll / Fletcher

Abuse Standards Violations” è la mostra di Eva e Franco Mattes alla Carroll & Fletcher di Londra, che invita a riflettere su cosa significa partecipare ad una riflessione critica, prima ancora di chiederci di partecipare all’azione generata da essa. Abbiamo partecipato all’incontro con gli stessi artisti avvenuto all’Institute of Contemporary Art (ICA) lo scorso 19 luglio 2016
list2

MIT List Visual Arts Center: Ethan Hayes-Chute

L'arte di Ethan Hayes-Chute esplora concetti di autosufficienza e auto-conservazione, facendo riferimento ad architetture e stili di vita alternativi, ecologia e rifiuti. La sua nuova installazione per il List Center è una combinazione tra strumenti tecnologici obsoleti e oggetti quotidiani, il tutto ricreato secondo un approccio DIY e distaccato
newgameplay1

New Gameplay

Chi ha pensa che i videogame siano solo un prodotto di consumo per le grandi masse, deve ricredersi. La mostra New Gameplay al Nam June Paik Art Center, visibile fino a Febbraio, affronta un nuovo modo di intendere la game art. Presenti giochi sperimentali, indipendenti e interattivi che stimolano non solo l'immaginazione ma anche il pensiero
palmer1

Il suono dell’assenza: Katrina Palmer e il dialogo tra scultura e narrazione

Ed è in quella materia scolpita che si fa parola che si rintraccia l'elemento chiave delle opere dell'artista Katrina Palmer. Oggetti quotidiani, paesaggi naturali e luoghi abbandonati divengono narrazioni sonore e scultoree che trasportano lo spettatore in una dimensione altra dell'esistente e del proprio essere, toccando l'immaginario.
TheasterGates1

Theaster Gates: How to Build a House Museum

Fino a Ottobre all' Art Gallery of Ontario di Toronto, sarà in mostra Theaster Gates con How to Build a House Museum. Una mostra che ripercorre la memoria e le conquiste del popolo nero attraverso suoni, danze, video, dipinti e atmosfere clubbing organizzati in sei case-museo simboliche, che trasportano lo spettatore in un'altra realtà
BIM!

Biennale dell’Immagine in Movimento 2016

Il Centre d’Art Contemporain Genève annuncia gli artisti partecipanti e il nuovo progetto «Generations» per la Biennale de l’Image en Mouvement (Biennale dell’Immagine in Movimento) 2016. La Biennale è aperta al pubblico dal 9 Novembre 2016, in mostra fino al 29 Gennaio 2017
pattison3

Yuri Pattison: user, space

Alla Chisenhale Gallery di Londra è in mostra User, space di Yuri Pattison. Ispirandosi all’architettura modernista e alla fantascienza Pattison crea installazioni che riflettono la natura pervasiva delle nuove tecnologie e la loro crescente influenza sul modo e il luogo in cui viviamo e lavoriamo, prospettando un futuro che è già immaginato
easyisnotaconcept1

Easy is Not a Concept. Rivendicare il corpo come tecnologia

Allo studio Eyebeam di New York è presente la mostra personale di Nancy Nowacek. Attraverso opere scultoree, digitali e performative l'artista affronta la tematica del corpo, espandendosi oltre la grammatica del movimento funzionale per sfidare e dare nuova forma agli schemi contemporanei corporei, riportando così il corpo a essere strumento.
fuse2

Codex Anima Mundi. fuse* e gli algoritmi meravigliosi

In un grande casale bianco, luminoso, immerso nella quiete della campagna modenese, ha trovato dimora e sta crescendo rigogliosamente una delle realtà più sorprendenti nel panorama delle arti Digitali italiane: fuse*, uno studio multidisciplinare fondato nel 2007 da Mattia Carretti e Luca Camellini.
csm_1240x300_CTM_radiocall2_7e7967ead9

CTM 2017: Radio Lab Call for Works. Deadline: 28/08/2016

La call progetti sonori inusuali che uniscono il medium radiofonico con il potenziale della live performance. La call è aperta ad artisti nei campi della musica sperimentale, dela sound art, della radio art, del new radio drama, e della performance. I due lavori commissionati saranno presentati in anteprima al CTM 2017 Festival di Berlino, e trasmessi nel programma della Deutschlandradio Kultur’s Klangkunst.
homepageImage_en_US

Piksel 16: ZERO-Level. Deadline estesa al 15 Luglio

Piksel16, ZERO-level, si focalizza sugli aspetti biologici e sociali del mare e degli oceani come ambienti sostenibili. Zero porta con se un significato di: zero-emissioni, zero-impatto, zero-sprechi, zero-energia, zero-inquinamento, zero-plastica, zero-pattumiera.
call_for_application_2017.440x0

Van Eyck Academie: call for applications. Deadline 3/10/2016

Call for Applications: periodo di lavoro 2017. Il Van Eyck invita tutti gli artisti, designer, fotografi, architetti, paesaggisti, curatori, autori e critici ad applicare per una residenza alla Jan van Eyck Academie per un periodo da 6 a 12 mesi. Deadline: 3 Ottobre 2016
gameseuroplays1

The Games Europe Plays. Body-Tech

La mostra The Games Europe Plays – BODY-TECH presenta i lavori di artisti interattivi e creatori di giochi del Regno Unito e dell'Europa continentale, provando a immaginare come abiteremo i nostri corpi sia fisici che virtuali. Rivolge inoltre uno sguardo spensierato sulle tecnologie digitali e a come queste agiscano sulla nostra vita.
bodies and stage 1

Bodies and Stages

Alla mostra Bodies and Stages, presso il Kunstverein Hannover, si indaga sulle questioni relative al mostrarsi, al posare e all’apparire, interrogandosi se il contesto performativo ed espositivo possono cambiare l'identità fisica. Presenti i lavori live e installativi di Alexandra Bachzetsis, Vaginal Davis, Adam Linder e Shahryar Nashat.
Microphone test 1

14esimo Taishin Arts Award Grand Prize: Hsu Che-Yu, “Microphone Test”

Il vincitore della 14esima edizione del Taishin Arts Award è stato conferito a Hsu Che-Yu per Microphone Test. Un lavoro che segna l’inizio di una nuova tendenza di riferimento intertestuale tra arte visiva e scrittura creativa nel panorama artistico contemporaneo, affiancando storie personali a storie sociali tramite una narrazione multivellare.
space brain laboratory 1

Space Brain Laboratory

Space brain Laboratory nato nel 2009 grazie a Ann Veronica Janssens e Nathalie Ergino, è un progetto che riunisce il pensiero e le esperienze di artisti e ricercatori provenienti dalle scienze fisiche e umanistiche, inglobando i progressi delle neuroscienze e dell’astrofisica assieme alle attuali pratiche di ipnosi e dello sciamanesimo.
tez1

Maurizio Martinucci (TeZ): investigazione creativa tra musica, arte e scienza

Maurizio Martinucci (aka TeZ) è un artista interdisciplinare e ricercatore indipendente italiano, stabilitosi ad Amsterdam. Usa la tecnologia come mezzo attraverso il quale esplorare gli effetti della percezione e la relazione con il suono, la luce e lo spazio. Il suo focus primario sono le composizioni generative con suono spazializzato, per esibizioni dal vivo e installazioni