Dal 2005 Digicult è una delle principali piattaforme internazionali che osservano l'impatto delle tecnologie digitali e della scienza sull'arte, il design e la cultura contemporanea.

fiction1

How much of this is fiction. An Exhibition by FACT Liverpool

How Much of this is Fiction. A rhetorical question, you could say. There is a lot of doubt over the way things happen in society, so how much can we believe? The key message from the last exhibition at FACT (Foundation for Art and Creative Technology) in Liverpool is about deception. To what extent are we being fooled or protected from the strange incidents that come to pass in political media?
bowen1

Rinascita divina. Spacejunk di David Bowen

Davanti a Spacejunk di David Bowen, non si può fare a meno di percepire una forma di pietà religiosa che ha preso forma nello spazio espositivo. I 50 ramoscelli, controllati da servo motori e montati su alti e sottili piedistalli metallici, alzano le braccia come in un atto di supplica, a mano a mano che rifiuti spaziali si sollevano sopra l’orizzonte.
yoldas1

Modellando futuri possibili. Intervista a Pinar Yoldas

Presentando il proprio lavoro nel corso di una conferenza alla School of The Art Institute di Chicago nel 2016, Pinar Yoldas elenca tra i propri campi di ricerca la biologia sintetica, il turbocapitalismo, i big data, le emissioni di CO2, la nano medicina, i cambiamenti climatici, la bio-accumulazione e il post-umanesimo.
paul1

Media Art e Mercato dell’Arte: un’intervista con Christiane Paul

Christiane Paul è un'importante teorica e curatrice che ha trattato ampiamente argomenti che abbracciano la Media Art, la Digital Art e lo spettro di settori che uniscono arte e tecnologie. Al momento è professoressa associata alla School of Media Studies presso la New School di New York: ha coniato il termine “neomaterialità”, che può essere considerato un concetto centrale per definire i punti di contatto tra il settore dell’arte contemporanea e la conoscenza generale.
science1

Graphical Abstracts: la visualizzazione della scienza

L’attenzione verso il modo di agire del design, che hanno dimostrato gli ambiti economici e del marketing attraverso il design thinking sta iniziando a comparire anche negli ambienti scientifici. Il design può fornire alla scienza un supporto nella comunicazione ma anche indicazioni su come occupare nuovi spazi di azione, proporre nuove tematiche che rispondano alle esigenze della società e del mercato o stimolare la “capacità creativa” della scienza.
hands1

@ is for Activism: Dissent, Resistance and Rebellion in a Digital Culture. Joss Hands, Pluto Press,

@ is for Activism, pubblicato da Pluto Press, rappresenta un notevole e prezioso contributo agli studi su media, comunicazione e politica. L'autore, Joss Hands, è docente di Media and Cultural Studies presso l'università di Newcastle. Con questo testo intende fornire una panoramica critica sulla ridefinizione del paesaggio politico da parte dei nuovi media e degli strumenti di comunicazione digitale attraverso un approccio multidisciplinare.
coal

COAL PRIZE 2017 CALL FOR ENTRIES | DEADLINE 20/07/2017

La crisi ecologica globale interessa tutte le società, i territori e le attività, intrecciandosi alle sue conseguenze economiche e sociali. Ma questa crisi è anche culturale. Pertanto, le soluzioni ad essa non possono essere solo politiche e tecniche. La cultura può essere un importante fattore di cambiamento. Ogni anno il Premio COAL seleziona dieci progetti di artisti che lavorano su temi ambientali nel campo delle arti visive. Insieme essi partecipano alla costruzione di una nuova narrazione collettiva, che è ottimista e indispensabile a tutti per trovare la motivazione ad attuare quei cambiamenti necessari per un mondo più sostenibile. Scadenza 20/07/2017

La Digicult Agency produce e cura mostre, eventi, workshop, attività di formazione, cataloghi, pubblicazioni, lecture, tavole rotonde, fornendo inoltre consulenza su strategie per il marketing e la comunicazione dell'arte e della cultura, e strumenti per il digital publishing.

Digimag Journal è una pubblicazione interdisciplinare che racchiude articoli e saggi di elevato standard che si focalizzano sull’impatto delle tecnologie e degli sviluppi scientifici più avanzati sull’arte, il design e la società contemporanea. E' basato su call for papers trimestrali e pubblication da Digicult Editions.

I libri di Digicult

Ultimi post

fiction1

How much of this is fiction. An Exhibition by FACT Liverpool

How Much of this is Fiction. A rhetorical question, you could say. There is a lot of doubt over the way things happen in society, so how much can we believe? The key message from the last exhibition at FACT (Foundation for Art and Creative Technology) in Liverpool is about deception. To what extent are we being fooled or protected from the strange incidents that come to pass in political media?
sonard1

Sonar+D: Creativity, Technology & Business

Sónar+D, the congress dedicated to creative technologies which will take place in Barcelona on June 14, 15, 16 and 17, announces today the program for its 2017 edition. The congress will bring together more than 100 activities, 180 speakers and around 5,000 accredited professionals from 2,100 companies and 60 countries. During 4 days, key figures and projects shaping the future of design, music and creative technologies will assemble in Barcelona.
sonar1

Sonar Barcelona: Music, Creativity & Technology

Björk completes the Sónar 2017 program with her immersive Virtual Reality exhibition at the CCCB, a talk at the Sónar+D congress and an exclusive 4-hour DJ set to open the festival. "Björk Digital" will take place at Barcelona’s Centre for Contemporary Culture (CCCB) between the 13th of June and the 24th of September. Visitors will be treated to an extraordinary immersive exhibition.
videosoundart1

Video Sound Art. La grande occasione

A soli sei mesi dalla sesta edizione che aveva visto coinvolti artisti e curatori internazionali, dal 25 maggio parte l’edizione speciale di VIDEO SOUND ART, centro di produzione e festival di arte contemporanea che promuove linguaggi innovativi e pratiche di contaminazione, incentivando la sperimentazione di nuove tecnologie in ambito artistico.
audiovisualarts

L’undicesima edizione dell’Audiovisual Arts Festival

The 11th Audiovisual Arts Festival of the Ionian University, depts. of Music Studies and Audio & Visual Arts, is extended in space and time: the festival will last for a total of 23 days, from May 20th to June 11th, and will be held at both Corfu and Athens.
hometechnology

(English) 4 Home Technology Trends to Watch for in 2017

(English) Incorporating various forms of technology in homes is a trend that has been on the rise over the past few years. People are now more willing to spend money on home-related tech to make their homes "smarter” than ever before.
smarthome1

(English) Great Ways to Make Your Home Smarter

(English) The growth in digital technology has infiltrated the home in a massive way. A few years ago, a “smart home” was something most of us had never heard of. Now, there are many ways to add smart functionality to the home.
bowen1

Rinascita divina. Spacejunk di David Bowen

Davanti a Spacejunk di David Bowen, non si può fare a meno di percepire una forma di pietà religiosa che ha preso forma nello spazio espositivo. I 50 ramoscelli, controllati da servo motori e montati su alti e sottili piedistalli metallici, alzano le braccia come in un atto di supplica, a mano a mano che rifiuti spaziali si sollevano sopra l’orizzonte.
hands1

@ is for Activism: Dissent, Resistance and Rebellion in a Digital Culture. Joss Hands, Pluto Press,

@ is for Activism, pubblicato da Pluto Press, rappresenta un notevole e prezioso contributo agli studi su media, comunicazione e politica. L'autore, Joss Hands, è docente di Media and Cultural Studies presso l'università di Newcastle. Con questo testo intende fornire una panoramica critica sulla ridefinizione del paesaggio politico da parte dei nuovi media e degli strumenti di comunicazione digitale attraverso un approccio multidisciplinare.
yoldas1

Modellando futuri possibili. Intervista a Pinar Yoldas

Presentando il proprio lavoro nel corso di una conferenza alla School of The Art Institute di Chicago nel 2016, Pinar Yoldas elenca tra i propri campi di ricerca la biologia sintetica, il turbocapitalismo, i big data, le emissioni di CO2, la nano medicina, i cambiamenti climatici, la bio-accumulazione e il post-umanesimo.
electropark1

Electropark Exchanges

Electropark Exchanges si rinnova in città proponendo un trittico di concerti degno della miglior tradizione rinascimentale. Protagonisti saranno tre rinomati ar... READ MORE...
coal

COAL PRIZE 2017 CALL FOR ENTRIES | DEADLINE 20/07/2017

La crisi ecologica globale interessa tutte le società, i territori e le attività, intrecciandosi alle sue conseguenze economiche e sociali. Ma questa crisi è anche culturale. Pertanto, le soluzioni ad essa non possono essere solo politiche e tecniche. La cultura può essere un importante fattore di cambiamento. Ogni anno il Premio COAL seleziona dieci progetti di artisti che lavorano su temi ambientali nel campo delle arti visive. Insieme essi partecipano alla costruzione di una nuova narrazione collettiva, che è ottimista e indispensabile a tutti per trovare la motivazione ad attuare quei cambiamenti necessari per un mondo più sostenibile. Scadenza 20/07/2017
segnileggeri1

Segni leggeri. Internet non è per sempre

BAG Gallery di Parma ha aperto da qualche giorno “Segni Leggeri. Internet non è per sempre”, la bipersonale di Guido Segni e Luca Leggero. Una mostra inconsueta che la BAG decide di ospitare per la particolarità e la forza concettuale che contraddistinguono le ricerche dei due artisti toscani, posti in un dialogo di confronto che ne mette in evidenza i punti di tangenza, le peculiari caratteristiche e gli originali punti di vista su ciò che concerne l’uso e la presenza di Internet nella vita quotidiana di ciascun individuo contemporaneo.
sa1

Spring Attitude Festival

Il più raffinato e innovativo sound contemporaneo unito all’arte digitale, schegge di elettronica che incontrano il pop d’avanguardia, il folk a braccetto con il rap. La primavera di Roma fiorisce di suoni contaminati e sperimentali, nel nome della ricerca internazionale e della qualità artistica. Questa la cifra stilistica dell’VIII edizione di Spring Attitude - Festival internazionale di musica elettronica e cultura contemporanea - che torna nella Capitale dal 25 al 27 maggio forte delle 12.000 presenza dello scorso anno.
totah2

TOTAH presenta Transient

La galleria TOTAH di New York ha da poco inaugurato Transient, una mostra di Helen Pashgian e Brian Wills, artisti del movimento California Light and Space. Pashgian e Wills, pionieri di questa corrente artistica, lavorano in modo ossessivo a process... READ MORE...
archeonauts3

Archeonauts: la mostra alla Galerie Charlot di Parigi

La mostra "Archeonauti" tenta di riunire un gruppo di artisti che sono anche attivisti, teorici e visionari. Fuori dalla sincronia con il presente, s’immergono nella cultura materiale e immateriale pre- e post-internet. Appartengono a due correnti diverse: una è la generazione di artisti nati all'alba di quella che è stata definita «fine della storia», mentre l'altra è una delle prime generazioni a essersi appropriata delle nuove tecnologie informatiche per scopi artistici.
paul1

Media Art e Mercato dell’Arte: un’intervista con Christiane Paul

Christiane Paul è un'importante teorica e curatrice che ha trattato ampiamente argomenti che abbracciano la Media Art, la Digital Art e lo spettro di settori che uniscono arte e tecnologie. Al momento è professoressa associata alla School of Media Studies presso la New School di New York: ha coniato il termine “neomaterialità”, che può essere considerato un concetto centrale per definire i punti di contatto tra il settore dell’arte contemporanea e la conoscenza generale.
friedl1

Heribelt Friedl alla Künstlerhaus, Halle für Kunst & Medien

Nelle opere d’arte site-specific che l'artista Heribert Friedl (1969 Feldbach, vive a Vienna) ha creato per la sua personale alla Künstlerhaus - Halle für Kunst & Medien c'è poco da vedere, perché Friedl ritiene che il fascino visivo sia cruciale per vedere quanto l’arte sia ormai logora. Per la Künstlerhaus, l'artista ha quindi sviluppato un'installazione sonora il cui punto di partenza è la sua ubicazione nel centro del Citypark di Graz.
//