Ultimi post

iminds7

Quando l’Innovazione Digitale incontra l’Industria: il modello iMinds

iMinds è un’organizzazione no-profit fiamminga, dedita all'innovazione digitale per la società e l'economia grazie agli studi strategici applicati sulle tecnologie. Offrendo alle organizzazioni un sostegno attivo nello sviluppo della ricerca e del business e, incoraggiando gli imprenditori tecnologici a portare le loro innovazioni in vita
biodesign1

Design Digital Relations. Nuovi scenari progettuali di interazione digitale

La rivoluzione digitale già in atto da diversi anni sta stravolgendo profondamente le regole della comunicazione e questo cambiamento trascina con se una profonda alterazione delle relazioni che governano il tessuto sociale. L'avvento dei new media, in particolare, sta comportando diversi mutamenti nella gestione della vita collettiva e nelle relazioni tra gli individui
Jon-Rafman 1

Jon Rafman: I have ten thousand compound eyes and each is named suffering

Jon Rafman è in mostra fino ad Agosto allo Stedelijk Museum. L'artista canadese che fa del digitale e del gioco online il fulcro della sua filosofia creatrice. Combinando scenari tra reale e virtuale in cui lo spettatore può perdersi tra avatar, sottoculture online e comunità feticiste negli angoli remoti del web.
collide 1

Collide International Award

Il premio 2016 di Collide International Award è stato assegnato all'artista sudcoreano Yunchul Kim. Collide è una nuova collaborazione tra CERN e FACT che offre ad artisti e scienziati l'opportunità di sperimentare le interconnessioni tra scienza e arte, incoraggiandoli a percorrere vie nuove, non ancora esplorate e soprattutto interdisciplinari.
Deep Cable 1

Deep Cables: scoprire i cablaggi del mondo

Deep Cables: Uncovering the Wiring of the World, la mostra presente in questi giorni a Berlino a cura di Disruption Network Lab, indaga la dimensione culturale, politica, geografica e tecnologica, nonché fisica di internet. Analizzando le sue ripercussioni sulla società e le sue relazioni con i sistemi di sorveglianza.
Maja Smrekar 1

Maja Smrekar. Survival Kit for the Anthropocene – Trailer

Aksioma è lieta di presentare Survival Kit for the Anthropocene di Maja Smrekar. Una riflessione in forma d'arte sul tema dell'estinzione e della supremazia biologica di alcune specie viventi in connessione ad una forte critica sui sistemi economici neoliberali, il tutto colorito con elementi folkloristici, ludici e di arte contemporanea.
Andrea Buttner 1

Andrea Büttner: Beggars and iPhones

La Kunsthalle presenta Beggars and iPhones, la prima mostra personale in Austria di Andrea Büttner. L'opera esplora i concetti di pubblico-privato e visibile-invisibile, in un'ottica che coinvolge in parallelo sia l'attuale digitalizzazione sia le forme più antiche d'arte. Avviando riflessioni di stampo filosofico, sociali e culturali.
Energy Flash 1

Energy Flash — The Rave Movement

Energy Flash - The Rave Movement è la prima mostra museale a considerare i rave nella loro sfera politica, tecnologica, sociale ed economica. Comprendente progetti interdisciplinari provenienti da diversi campi artistici, la mostra si pone l'obiettivo di restituire al fenomeno dei rave il suo valore culturale, spesso sottovalutato o rifiutato.
memory1

La memoria del Futuro. Dialoghi Fotografici tra passato, presente e futuro

Un viaggio nel passato, presente e futuro della fotografia. È questa la tematica della nuova mostra presente presso il Museo dell'Eliseo, in cui i visitatori assisteranno a un dialogo tra opere provenienti da tempi diversi e dove la manipolazione digitale diviene protagonista per modificare e interagire con foto remote e forse dimenticate
john gerrad 1

John Gerrard: Power. Play

Al Ullens Center for Contemporary Art è presente Power.Play di John Gerrard. L'artista che ha esplorato l'uso della post-cinematica, inventando mondi virtuali contagiati dal reale e operando con sistemi tecnologici all'avanguardia in luoghi isolati e non facilmente accessibili, avviando così considerazioni sul fenomeno della sorveglianza.
Korakrit Arunanondchai 1

Korakrit Arunanondchai al Museion di Bolzano

È in corso al Museion di Bolzano la prima mostra personale in Italia di Korakrit Arunanondchai. Artista poliedrico e multimediale che si muove tra i territori dell'immaginazione e del reale, introducendo la componente digitale come elemento di riflessione e per indagare i fenomeni della globalizzazione e della comunicazione mass mediale.
Frank Gehry 1.jpeg def

Frank Gehry. Building in Paris

Frank Gehry, uno tra i maggiori esponenti della corrente Decostruttivista, ha inaugurato, il 27 Maggio a Venezia presso la Fondazione Louis Vuitton, Building in Paris. Un evento architettonico unico nel suo genere in cui sono esibiti i modelli degli studi, delle progettazioni e le idee dell'artista all'interno di uno scenario quasi surreale.
High Line Art 1

High Line Performances

Da Giugno a Luglio a New York è presente High Line Performances. Una serie di eventi live che trasformano lo spazio dell'High Line in un teatro a cielo aperto. Nell'edizione di quest'anno presenti con giochi sonori, illusioni corporee e deviazioni percettive i performer Naama Tsabar, Maria Hassabi e Eduardo Navarro
Silvestre pestana 1 def

Silvestre Pestana: Technoform

È in mostra al Museo Serralves di Porto, Silvestre Pestana. Artista sperimentale che dagli anni Sessanta crea facendo interagire tra loro: performance, poesia, politica e tecnologie. Inventando nuovi spazi e mappature corporali in cui ogni limite mentale e fisico sfuma assumendo nuovi significati.
Malcom le Grice 1

Malcolm Le Grice a MACBA per LOOP Barcelona 2016

Jan Lauwers, Leone d’Oro alla Biennale di Venezia nel 2014, è in mostra al Ming Contemporary Art Museum di Shanghai. Incarnando il concetto di Arte Totale, Lauwers realizza opere multidisciplinari vagamente malinconiche, in cui è indagato il rapporto uomo-natura in una forma comunicativa e accessibile a ogni tipo di pubblico.
Jan Lauwers 1

Jan Lauwers. Silent Stories

Jan Lauwers, Leone d’Oro alla Biennale di Venezia nel 2014, è in mostra al Ming Contemporary Art Museum di Shanghai. Incarnando il concetto di Arte Totale, Lauwers realizza opere multidisciplinari vagamente malinconiche, in cui è indagato il rapporto uomo-natura in una forma comunicativa e accessibile a ogni tipo di pubblico.